Parma, affidabilità Dermaku: "Con Bruno cresce l'intesa"

"Loro giocavano molto tra le linee cercando di puntarci, poi si allargavano per cercare i cross, hanno avuto le loro occasioni per vincere come anche noi, è stata una gara molto aperta"

Kastriot Dermaku - foto parmacalcio1913.com

 Alla fine della gara pareggiata 2-2 dal Parma contro il Trabzonspor, il neoacquisto crociato Kastriot Dermaku ha commentato la prestazione. Ecco le sue parole:

Per noi stato importante per noi giocare contro un avversario competitivo per mettere via minuti e per prendere l’atteggiamento giusto. Abbiamo giocato una buona partita, con la giusta intensità, se c’era da alzare il ritmo lo abbiamo fatto, così come se c’era da difendere sempre con la cattiveria giusta: questo è fondamentale per l’approccio all’inizio del campionato”.

“Mi sono trovato abbastanza bene in difesa con Bruno Alves, chiaro che è la prima partita un po’ più competitiva e si può sempre migliorare ma sono contento. Loro giocavano molto tra le linee cercando di puntarci, poi si allargavano per cercare i cross, hanno avuto le loro occasioni per vincere come anche noi, è stata una gara molto aperta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

Torna su
ParmaToday è in caricamento