Parma-Genoa 1-0 LE PAGELLE | In tre sul podio

Bruno Alves, Kucka e Inglese i migliori: male Iacoponi

Juraj Kucka - foto Ansa

Dal nostro inviato
PARMA - Ecco le pagelle di Parma-Genoa 1-0.

Sepe 6 – Qualche intervento in uscita, chiamato a fare la guardia a due mastini come Kouame e Sanabria, il portiere parte male con un liscio che poi gli permette di svegliarsi e riprendere in mano la partita controllando i palloni alti.

Iacoponi 5 – Non legge i tagli di Kouame e le sovrapposizioni frequenti di Criscito che attacca costantemente. Non riesce a prendere le misure neanche a Bessa che non fa nulla per farsi notare, si fa sovrastare da Sanabria. In calo.

Bruno Alves 7 – Sulle palle alte è insuperabile, almeno centralmente non cade mai, solo in un’occasione quando Pandev gli va via con leggerezza. Però non trema mai e guida la riscossa dei suoi mettendo le ganasce a Sanabria, cliente difficile.

Gagliolo 6,5 – Torna quello concentrato dei vecchi tempi: concentrato, particolarmente attento, riesce a sistemarsi bene e a dividersi il merito con Bruno che non lo lascia mai solo. Chiude prima terzino sinistro, poi quinto.

Dimarco 6 – Bene al rientro, dopo 18 partite in cui ha dovuto prima smaltire un infortunio grave poi uno lieve. Gli stessi che lo hanno tenuto lontano dal campo per cinque mesi. Spinge e accompagna, difende senza particolari sbavature.

dal 39’ Bastoni sv.

Rigoni 6,5 – L’ex ordinato e calmo, si innervosisce – giustamente – quando Gervinho non gli recapita il pallone del possibile 2-0. Perché la era in porta, dopo essersi guadagnato la pagnotta randellando e mettendosi tra palla e avversari.

Scozzarella 6 – Il rientro è stato fondamentale.Gestione complicata dei palloni, con lui in mezzo più ordine e fosforo per raggiungere gli esterni Gervinho e Siligardi o verticalizzare. Anche tanta legna prima di essere sostituito da Biabiany.

dal 70’ Biabiany 6 – Fa la mezz’ala di ‘sprint’, ruolo nuovo che D’Aversa gli ha cucito addosso. Riesce a sprintare e a contenere dando una mano lungo l’out di destra. Avvia l’azione di Gervinho, quella che non ha prodotto il 2-0.

Kucka 7 – Cresce a vista d’occhio, si impone in mezzo al campo e va a prendere il pallone con tutta la forza di cui dispone. I suoi cingoli diventano pesanti e si fanno sentire. Il gol salvezza è evidentemente suo.

Siligardi 6,5 – parte in sordina, poi si accende e dispensa tencica sopraffina. Qualche taglio male interpretato, tanta sostanza e sprazzi di qualità che restano impressi nei 14.000 del Tardini, quando si alzano in piedi per applaudirlo al momento della sostituzione.

86’ Sierralta sv – Buonissimo rientro, salva una possibile ripartenza in acrobazia.

Inglese 7 – Quanta qualità e quanta quantità, un giocatore prezioso per D’Aversa e per i suoi compagni. Prende botte a tutto spiano, resiste e si porta a casa una quantità industriale di palloni. Il migliore con Kucka e Bruno Alves.

Gervinho 5,5 – Ha sulla coscienza la palla del mancato 2-0, quando si incaponisce e dribbla anche se stesso invece di cedere la sfera a Rigoni che giustamente se la prende. Però prima non ha fatto tantissimo di meglio. Qualche accelerazione poco dialogo con i compagni e un’ottima fase difensiva.

D’Aversa 6,5 - Imbriglia il Genoa, cerca di fare la partita, ritrova il sorriso rischiando nella parte centrale della gara, ritrova la vittoria che mancava dal 25 novembre in casa e dal 19 gennaio in generale, raggiunge quota 33 punti in classifica, stacca il Genoa di 3 e il Bologna momentaneamente di 15, è salvo (quasi) a inizio marzo con undici giornate d’anticipo. Cosa si può pretendere di più?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • Spettacoli teatrali, arte e mercatini...di Natale: week end ricchissimo

  • E' morto Beppe Aliano, il 19enne rimasto coinvolto nello scontro di Fontanini

Torna su
ParmaToday è in caricamento