Parma, ecco Pezzella: "Mi ispiro a Kolarov, arrivo in una grande piazza"

"Sono molto legato a Faggiano, con lui mi sono sentito ogni giorno. Sono carico e speriamo di fare punti da domenica"

Dal nostro inviato
PARMA - A Piazza Garibaldi c'è grande attesa: non solo per la presentazione della seconda maglia, quella che richiama alla storia dei grandi successi. C'è attesa perché accanto ad essa sfilano Iacoponi, Gagliolo, Hernani e l'ultimo arrivato, Giuseppe Pezzella, con la casacca gialloblù addosso e il suo numero, il 97 che richiama al suo anno di nascita. Il terzino sinistro è arrivato al termine di una lunga trattativa, cominciata quasi a inizio mercato e conlcusa una settimana prima della chiusura dello stesso. "Prima di tutto appena ho messo piede al centro sportivo ho avuto la sensazione di fare parte di una famiglia, piena di bravi ragazzi. Sono stato accolto benissimo - dice Pezzella davanti a un centinaio di tifosi - sono molto carico. Speriamo di fare punti domenica. Subito con l'Udinese? Siamo professionisti, cerchiamo di fare gli interessi della società di appartenenza, sarà una grande emozione, ma bisogna lavorare con grande serietà e fare il meglio per la squadra per cui lavori. Avremo contro un gruppo compatta, Tudor è un allenatore che ti trasmette tanto entusiasmo, l'Udinese ha grande voglia di lottare su ogni pallone, non sarà una sfida semplice.

I consigli per affrontare l'Udinese? D'Aversa prepara benissimo le partite, non ha bisogno dei miei consigli. A loro non toglierei nessuno. Faggiano? Sono molto legato a lui, l'ho avuto a Palermo. Ci siamo sentiti sempre in questo periodo. Volevo ringrazio lui e la società. Il ruolo? Quinto o quarto in difesa, per me non cambia nulla, non è un problema, ho giocato in Nazionale da terzino sinistro in una difesa a quattro. Per me è uno stimolo a migliorare sempre in qualsiasi ruolo. Voglio dimostrare il mio valore, sono consapevole dei miei mezzi, ci tengo a fare bene e voglio dimostrare il mio potenziale, arrivo in una piazza importante in un grande momento, dove sono più consapevole dei miei mezzi. Il mio modello? Mi ispiro a Kolarov, ha un grande fisico, gran piede e grande tecnica. Il Parma ha fatto investimenti importante, le responsabilità non mi spaventano". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Gervinho, lesione di primo grado: ecco i tempi di recupero

  • Tegola Cornelius, si ferma in Nazionale: Parma senza attaccanti

Torna su
ParmaToday è in caricamento