Parma, si lavora per la cessione di Siligardi

L'esterno mancino rifiuta per ora le destinazioni proposte: vorrebbe rimanere e sembra disposto ad accettare solo offerte dalla Cina o dall'Arabia Saudita

Luca Siligardi - fonto Ansa

Il mercato del Parma in entrata dipende molto da quello in uscita. La partenza di Baraye (al Gil Vicente in prestito con diritto di riscatto), il ritorno di Machin a Pescara assieme alla cessione quasi certa di Fabio Ceravolo, destinazione Cremona, fanno sì che Daniele Faggiano si riattivi per ricollegare i fili con la Sampdoria nel discorso legato a Jacopo Sala. Il terzino destro, entrato in orbita Spal che ha messo sul piatto lo scambio con Viviani, piace ancora a D'Aversa che sta cercando un esterno destro per completare il gioco delle coppie. L'affondo decisivo è previsto per il week end, nonostante domenica il Parma giochi a Udine e di solito, con in mezzo una partita, le trattative subiscono un rallentamento. Non è questo il caso perché al 30 agosto, con il mercato che chiude il 2 settembre alle 22, ogni minuto può essere prezioso per condurre in porto qualunque trattativa. Anche quella che porterebbe a Matteo Darmian, ben avviata grazie alla sinergia con l'Inter (come vi abbiamo anticipato ieri) e in attesa di essere conclusa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sia in entrata (Darmian e Sala) sia uscita. Oltre a Baraye, Machin e Ceravolo la società sta lavorando anche per proporre soluzioni a Luca Siligardi, giocatore con il contratto in scadenza nel 2022 e in uscita dal Parma. L'esterno mancino piace a molte squadre, Verona in testa ma lui preferirebbe rimanere per poter mettere in mostra le sue qualità. Già un anno fa era pronto per partire, destinazione Giappone, ma non se ne fece più nulla. Adesso il giocatore aspetta notizie dalla Cina o dall'Arabia Saudita, per ora sta rifiutando le proposte che gli sono arrivate ed è convinto di poter dire la sua ancora a Parma. Parma che per ora non lo contempla nei suoi piani. Infatti potrebbe arrivare anche la rescissione consensuale del contratto, a fronte di una buonuscita. Ipotesi remota ma da non scartare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Coronavirus, 3 giugno: ecco cosa potranno fare da oggi i parmigiani

Torna su
ParmaToday è in caricamento