Parma, si prova l'inserimento per Radu

Faggiano sta pensando di poter partecipare alla corsa: ma ci sono tre ostacoli

Stefan Radu - foto Ansa

Il Parma è a caccia di un’occasione. C’è ancora tanto da aspettare prima che il mercato entri nel vivo, ma Daniele Faggiano sta cercando di non farsi trovare impreparato quando sarà il momento di affondare il colpo. Si monitora ogni situazione, dal portiere (Sepe va verso il riscatto, alle cifre che piacciono al Parma), all’attaccante (si prova a regalare Inglese a D’Aversa, attraverso un prestito), con l’idea chiara di rinforzare ogni reparto per dare al tecnico una squadra che sia all’altezza. Profondità della rosa, qualità da raggiungere attraverso un mix di giovani e più esperti. Come Stefan Radu, nome nuovo per la difesa. La Lazio ha fatto sapere al terzino di potersi trovare un’altra squadra, Lotito è disposto a liberarlo a costo zero. Se così dovesse essere, il Parma potrebbe iscriversi alla corsa per il difensore, che darebbe varie possibilità a Roberto D’Aversa.  Potrebbe essere schierato centrale di sinistra in una difesa a quattro, terzino e centrale in una difesa a tre. Il nodo più grande sarebbe quello rappresentato dall’ingaggio: un milione e trecento mila euro. Il Parma pensa a inserirsi nella corsa a Radu, ma ci sono diversi ostacoli da superare. Il primo: il richiamo della patria, la Dinamo Bucarest potrebbe richiamare il difensore. Il secondo: c’è anche la voglia di riscattarsi e dimostrare di poter fare bene in una grande, il Napoli. Il terzo: l’ingaggio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morta la 38enne di Fontanellato colpita da un malore in acqua

  • Rischia di annegare al mare a Marina di Massa: 38enne di Fontanellato gravissima

  • Abusi sessuali nei confronti di un bambino di 11 anni: arrestato 37enne

  • Scossa di terremoto 3.9 con epicentro a Borgotaro

  • Ricatto a luci rosse: "Paga 2 mila euro o diffondiamo le immagini dei video porno che hai guardato"

  • Roccabianca: scoperte due concessionarie abusive di auto

Torna su
ParmaToday è in caricamento