Vigilia contro il Torino, D'Aversa: "Dimentichiamo il Sassuolo e andiamo in campo concentrati"

"E' una squadra che gioca a tutto campo su un riferimento, viene ad aggredirti in avanti e fisicamente sta bene. Dovremo essere bravi a muoverci di reparto"

Roberto D'Aversa - foto Ansa

Dal nostro inviato
COLLECCHIO - Il messaggio di D'Aversa è chiaro. Dimenticarsi del Sassuolo, in fretta, e rimanere concentrati su quello che c'è da fare senza pensare a quello che si è fatto. "Il Torino è forte fisicamente - dice in conferenza stampa - starà a noi saperci muovere di reparto e tenere il campo per bene". Senza Darmian, un ex per giunta "che nell'allenamento ha avuto un problemino - ha precisato il tecnico crociato - e non farà parte della gara. Assieme a Grassi, chiaramente". Il recupero di Kucka invece è una buona notizia, che però D'Aversa smorza: "Di solito quando uno rientra da un periodo lungo, anche nel ritiro ha avuto una serie di problemini, è sempre meglio dosarlo in maniera intelligente, magari facendolo subentrare a gara in corso; bisogna stare attenti per uno che rientra dopo un infortunio e con due partite ravvicinate all'orizzonte. Non vorrei bruciarmi un cambio, sono valutazioni che devo fare strada facendo. A livello fisico la squadra si è ben comportata, nella partita che abbiamo affrontato contro il Sassuolo abbiamo sprecato molto, ma abbiamo avuto un giorno di riposo in più. Il Torino gioca a tutto campo su un riferimento, viene ad aggredirti alto e fisicamente sta bene. Dovremo essere bravi a limitarne le caratteristiche, sapendo quelli che sono i pregi e i difetti degli avversari.

Adottano un sistema di gioco nel costruire di 3-4-2-1 o 3-5-2, ti marcano quasi a uomo, nel complesso credo che noi si giochi un po' di reparto: manca Darmian, un giocatore importante, ma chi sarà al suo posto mi fa stare tranquillo. Non dimentichiamoci che Laurini nella partita di Udine è stato tra i migliori. Se andiamo in campo a giocarcela nell'uno contro uno a livello fisico avremo delle difficoltà. Dobbiamo giocare puliti quando avremo il pallone, dovremo farli uscire a vuoto ogni tanto e conoscere le loro qualità oltre che i loro difetti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La partita con il Sassuolo ci ha detto che la squadra ci ha creduto fino alla fine, l'aspetto positivo è che c'è da crederci fino alla fine. L'aspetto negativo invece dice che bisogna fare gol e fare il massimo per concretizzare. Non è possibile che una squadra che crea tanti occasioni da gol ne segni uno solo alla fine. La partita contro il Torino è importante perché giochiamo in casa, perché siamo davanti al nostro pubblico e perché abbiamo contro una squadra che viene da un buon risultato. Resettiamo la gara con di mercoledì, andiamo in campo come se fosse l'ultima partita, decisiva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Coronavirus, tre decessi a Parma e 18 casi in più

Torna su
ParmaToday è in caricamento