Parma, D'Aversa si reinventa Kucka: da mezzala a trequartista

Lo slovacco può essere la chiave per scardinare il Chievo

Juraj Kucka - foto Ansa

La testa a Verona, le orecchie tese su qualche altro campo. Le ultime partite del campionato si giocano anche così, con la consapevolezza che bisogna portare a termine una missione importante, dove tanto dipende soprattutto da come tu affronti la partita. E il Parma questo lo sa bene, benissimo, dato che si presenta al Bentegodi al gran completo, con le assenze di Inglese e Biabiany ovviamente.

La missione dello staff tecnico in questa settimana era quella non impossibile di recuperare Gervinho: operazione riuscita. Quasi sempre l’uomo in più di una squadra che forse non dipenderà neanche da lui, ma che con l’ivoriano in campo sa esaltarsi. Con le sue fiammate, l’ex Roma è in grado di generare panico e preoccupazioni, attirare le difese su di sé e liberare gli spazi ai compagni che dovrebbero sapersi inserire negli spazi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il deputato numero uno a svolgere questo compito dovrebbe essere Kucka, che nello scacchiere di D’Aversa ricopre stabilmente da qualche giornata il ruolo ibrido di centrocampista assalitore. Un misto tra un esterno di contenimento e una mezzala di rottura che sa buttarsi dentro l’area di rigore quando serve. E sa tenere la palla senza sottrarsi allo scontro fisico. Il thank slovacco sa imporsi e gestire i momenti, interpreta tante partite in una gara e sa scegliere quando e come agire. Sarà supportato da Gervinho, che può fare anche la prima punta al posto di Ceravolo, qualora si voglia rinunciare alla fisicità del centravanti. In quel caso entrerebbe in gioco Siligardi. Il ballottaggio in mezzo al campo sarà tra Barillà e Rigoni, con Scozzarella saldo, nonostante la botta rimediata giovedì in allenamento, a guidare la manovra. In difesa i soliti tre: Iacoponi, Bruno Alves e Gagliolo, con Gazzola e Dimarco pronti ad agire sull’esterno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento