Parma, Gervinho e Sprocati sì, Sierralta no

Il difensore cileno esce anzitempo dall'allenamento per una lesione di I grado

Francisco Sierralta - foto Parmacalcio1913.com

Stavolta non ha avuto neanche il tempo per pensarci, Roberto D’Aversa. Del rientro in gruppo di Gervinho – programmato, accompagnato dalla settimana scorsa – il tecnico non ne ha quasi parlato con nessuno, dato che per un giocatore che rientra, un altro lascia. Una pedina importante e fondamentale nel percorso di questo periodo ha gettato la spugna. Il combattente Francisco Sierralta è crollato in allenamento. Per il giocatore, durante l'allenamento di giovedì, si tratta di un risentimento muscolare. Gli esami a cui si è sottoposto questa mattina hanno riscontrato una lieve lesione di I grado al bicipite femorale destro

L'assenza, strategica la sua posizione ibrida tra terzino destro in una difesa a quattro e primo centrale dei tre, pronto a scivolare sull'out di destra, è di quelle pesanti, perché impedisce a D’Aversa di affidarsi con discreta sicurezza alla difesa abbottonata. Senza Sierralta infatti, manca, oltre alla garra cilena, anche e soprattutto un cambio nella retroguardia, dato che i tre centrali deputati a svolgere quelle mansioni (Iacoponi, Bastoni, Gagliolo), sono per due terzi mancini. La difesa a tre quindi, che in fase di non possesso diventerebbe a cinque, sarebbe senza ricambi qualora qualcuno dovesse arrendersi prima del tempo. Visto il periodo, forse D’Aversa pensa che è meglio non rischiare. Anche se a 48 ore dalla partita resta comunque una possibilità. Che il tecnico si riserva di valutare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Senza Sierralta crolla l’impalcatura? Forse sì, in quanto il 3-5-2 potrebbe risentirne almeno dal punto di vista numerico. E Gervinho, a questo punto, diventerebbe quasi una scelta obbligata dal primo minuto. Se la scelta dovesse ricadere sullo scacchiere classico del 4-3-3, con l’ivoriano pronto a svariare su tutto il fronte d’attacco: prima punta con alle spalle Ceravolo e Siligardi, o esterno a supporto della Belva. Ma la coperta è corta anche davanti: senza Inglese e Biabiany, con l’acerbo Schiappacasse, D’Aversa rischierebbe le tre punte dal 1’? Difficile: la costante però è sempre una: si lavora sempre con l’acqua fino al collo. Così diventa scomodo nuotare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Coronavirus, tre decessi a Parma e 18 casi in più

Torna su
ParmaToday è in caricamento