Sepe, tra ritorno in campo e Inter ma con il Parma nel destino

Già in tenera età il portiere napoletano aveva indossato la maglia gialloblù. Segno del destino?

Era destino? Forse, sicuramente Gigi Sepe il Parma l’ha assaporato qualche anno fa. In tenera età aveva indossato una maglia gialloblù, quelle a righe orizzontali, dei trionfi degli anni novanta. Sepe al tempo aveva più o meno dieci anni, qualcuno in meno e tifava Napoli, che è rimasta in fondo la sua squadra del cuore. A Napoli, la terra che da sempre ama, dove è nata la sua passione per il calcio trasformatasi poi in vocazione, il portiere ha cominciato a familiarizzare con quello che sarebbe stato poi il nuovo mondo. Curioso.

Forse non se lo aspettava, tanto che su Instagram il portiere ha abbozzato un post all’insegna della nostalgia con la maglia del Parma in bella vista: “Ricordi indelebili… Predestinato?” con la foto di squadra in bella mostra e lui accosciato con i guanti in mano e i… capelli in testa. Il tempo è passato, adesso Sepe, dopo un inizio non proprio convincente, si è preso il Parma e difende con piglio deciso la porta di quella che è diventata la sua squadra.

Chissà se ancora cova la speranza di tornare, un giorno, a Napoli da eroe. Intanto ‘il cardinale’ si gode la famiglia, i figli e la moglie, è tornato a casa per la sospensione degli allenamenti vista l'emergenza sanitaria e si allena come da programma a domicilio, seguendo i dettami di Roberto D’Aversa e di Luca Morellini. Tecnico e preparatore atletico hanno stilato una tabella per tutti, per lui ci sono in più gli insegnamenti di Alberto Bartoli che lo aspetta in campo dopo quasi cento giorni trascorsi fuori per colpa di un infortunio muscolare, una lesione tendinea completa rimediata contro l'Udinese che lo ha tenuto lontano dai campi dando spazio a Colombi, che non lo ha fatto certo rimpiangere. E in attesa del ritorno in campo, del presente, ha bussato alla porta di Sepe anche il futuro. L’Inter avrebbe messo gli occhi addosso al portiere di Torre del Greco, cercando di capire quando affondare e come farlo.

Ricordi indelebili...predestinato? @parmacalcio1913 #iorestoacasa

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un post condiviso da luigisepe (@luigisepe) in data:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento