Vigilia contro il Bari, Marino: "Come contro la Samp, con determinazione”

"Per una partita delicata come quella di domani ho bisogno degli uomini più in forma". Marino vuole ripetere la partita di giovedì, ma dovrà fare a meno di gente importante, Giovinco su tutti. Su Cassano: "Non ci penso"

Abbiamo qualche problemino fisico ma mi fido dei ragazzi. Il gruppo è unito, la squadra ha reagito bene dopo la sconfitta di Napoli, spero di dare un senso alla prestazione di giovedì”. Marino ci spera, ci crede e assicura lo stesso impegno, la stessa determinazione che il Parma ha fatto vedere contro la Sampdoria.

“I problemi fisici ci penalizzano si,ma sono convinto che l’approccio sarà dei migliori. Non è facile andare a Bari con un giorno di riposo in meno rispetto agli avversari, con qualcuno che non ha recuperato bene. Abbiamo degli acciaccati che dovremo verificare con l’aiuto dei medici. Purtroppo non sarò solo a fare la formazione, avrò bisogno di consultarmi con loro”.

 La lista degli abili non è poi così corta, bisognerà vedere se questi saranno arruolabili. “Antonelli si  è allenato a parte, Marques non è al meglio (affaticamento ndr),  Bojinov un po’ acciaccato, Valiani che ha recuperato, la coppia di centrali di difesa è diffidata, ci sarà almeno un cambio per ogni reparto.  Bisognerà schierare una formazione che sia pronta dal punto di vista agonistico perché il Bari sa giocare a calcio”.

Giovedì Bojinov ha squarciato la nebbia del Tardini come un eroe dei fumetti, rimettendo le cose a posto e risolvendo, per un attimo, il problema del gol. A chi gli fa notare che la squadra fa fatica a verticalizzare, Marino risponde così: “Credo che giovedì sera la squadra abbia fatto quello che doveva fare. Questa squadra ha il fraseggio nel dna”.

“ Abbiamo avuto sempre il pallino del gioco nelle nostre mani - continua Marino -, non rischiando quasi mai, a parte con qualche azione sporadica di ripartenza e la traversa su punizione. Da questo punto di vista spero di ripetere la prestazione di giovedì”. Gli parli delmodulo ed ecco che sbotta.

“Si parte sempre da un modulo e poi, a seconda della partita, dei giocatori in campo, si cambia. Non ho sposato il 4-3-3. Ascoltando quello che dite, sembra che abbia solo questa filosofia. Anche l’atra sera si è visto un movimento dei giocatori, con le mezze ali che svariavano sul fronte d’attacco. Quello che conta è la determinazione e lo spirito che i ragazzi hanno mostrato contro la Sampdoria. Poi possiamo giocare con uno, due o tre attaccanti. Ripeto – dice Marino – il modulo dipende dalle caratteristiche dei giocatori”.

“La squadra, al di là della classifica, non ha mai subito più di tanto l’avversario. Non è detto che noi ci dobbiamo adattare agli altri, sono gli altri che devono adattarsi a noi. Dimentichiamo in fretta i problemi fisici, Dzemaili che ha recuperato da qualche partita, Giovinco che ne ha giocate pochissime, Galloppa e Paloschi assenti. Non cerco alibi, ma queste cose hanno inciso molto. Non gira come vorremmo, ma i tre punti di giovedì ci fanno sperare bene per il futuro”.

Su Bojinov: “Lui - dice Marino – è un attaccante, sta male senon fa gol. L’altra sera è stata una liberazione non solo per lui, ma per tutti. Il suo abbraccio? È un gesto istintivo, che ho apprezzato,  anche se non lo avesse fatto saremmo qui a parlare di un gruppo tosto, unito, che è attaccato alla società e alla maglia”.

Sguardo sul Bariche è ultimo in classifica: “Una squadra organizzata, una partita delicata. Il Bari è una squadra che predilige il possesso palla, il fraseggio, cominciano l’azione dalla difesa. Ha caratteristiche importanti, come la velocità e la tecnica, Alvarez, Barreto, sono esempi visibili. Saltano l’uomo con facilità e non bisogna lasciare spazi. Bisogna attaccare con equilibrio”.

Inevitabile poi la domanda suCassano. Negli ultimi giorni si è parlato di un suo possibile approdo in gialloblu, con la formula del prestito fino a giugno. Per i prossimi sei mesi il talento di Bari dovrebbe percepire uno stipendio vicino al milione di euro. Marino dribbla così la domanda: “Cassano? Preferisco pensare a Bari, ci sarà tempo”.

I tifosi crociati sognano, intanto Marino resta sveglio cercando, proprio a Bari, di trovare i punti della conferma.

I PRECEDENTI

La formazione guidata da Marino si è mostrata un'autentica bestia nera per il Bari
I precedenti, infatti, parlano chiaro: in 53 incontri disputati ci sono state 11 vittorie del Bari, 18 pareggi e 24 successi degli emiliani. Tra il 1930 e il 1990 (ultimo anno in cui si giocò nel vecchio impianto sportivo) sono state ben 8 le vittorie dei biancorossi, 4 i pareggi e solo due le sconfitte. Ed è proprio allo "Stadio della Vittoria" che c'è stato l'ultimo successo interno dei galletti. Era il 18 Settembre 1988, 2° giornata del campionato di Serie B. Il Bari ebbe la meglio per 2-1. La squadra allenata da Salvemini chiude il primo tempo in vantaggio con le reti di Monelli e Lupo. Nella ripresa Turrini accorcia le distanze per gli ospiti. Quella stagione, poi, sancirà il ritorno dei biancorossi in Serie A, dopo 2 anni di B.
La storia ci dimostra che, da quando il Bari gioca allo "Stadio San Nicola", non c'è stata mai una vittoria contro il Parma: solo 5 pareggi e 7 sconfitte. L'ultimo pareggio in ordine di tempo risale alla stagione scorsa. Il Bari di Ventura affronta il Parma il 21 marzo 2010. Gli uomini di Guidolin passano in vantaggio con uno sfortunato autogol di Belmonte, ma a cinque minuti dalla fine un gol di Andrea Masiello evita il ko per i biancorossi.  Il 4 aprile 2009 il Parma firma l'ultimo successo in terra barese. In quel giorno il San Nicola presenta il pubblico delle grandi occasioni, accorso in massa per sostenere i propri beniamini verso la promozione in A,  contro una diretta concorrente al salto di categoria. Però Guidolin è bravo a bloccare il gioco dei galletti ed i gialloblu escono vincitori dal terreno di gioco con le reti di Vantaggiato e Paloschi.

 

 

PROBABILI FORMAZIONI

BARI 4-4-2

1Gillet, 15Belmonte, 5A. Masiello, 33Rossi, 21Parisi, 90Alvarez, 8Donati, 14Gazzi, 13Pulzetti, 10Barreto, 18Caputo. A disp: 25Padelli, 84Raggi, 6Rinaldi, 28Galasso, 19Crimi, 91D'Alessandro, 20Kutuzov.

All. Ventura

 

PARMA 4-3-3

83Mirante, 5Zaccardo, 24Paci, 6Lucarelli, 3Antonelli, 4Morrone, 10Dzemaili, 18Gobbi, 7Candreva, 9Crespo, 8Marques. A disp: 1Pavarini, 51Dellafiore, 29Paletta, 21Giovinco, 13Angelo, 80Valiani, 86Bojinov.

All. Marino

Arbitro: Sig. Brighi di Cesena

Assistenti:  Sigg. Carrer - Padovan

Guarda lo sport live e on-demand su DAZN
Comincia il tuo mese GRATIS!

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino: cosa fare

  • Parma, tappa per BlaBlaBus: si viaggia in tutta Europa

  • Bere alcolici fa male: il vero sballo è dire no

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in moto contro l'ambulanza, il fidanzato muore: 27enne di Parma in prognosi riservata

  • Tragedia a Colorno: ciclista 54enne cade sull'Asolana e muore

  • Paura per due sorelle di 13 e 12 anni, escono di casa e non rientrano per la notte: trovate dalla polizia

  • Fidenza, consulente finanziaria accusata di irregolarità: blitz della Finanza

  • I banditi assaltano nella notte una villa di Sorbolo, bottino di migliaia di euro: rubate pistole e fucili

  • Cantano e suonano davanti al Teatro Regio, due giovani denunciati: chitarre sequestrate

Torna su
ParmaToday è in caricamento