acquarelli...settima edizione

Patrizia Bartoli Francesca Giambiasi Mariantonia Mazzeo Alessia Rampulla INAUGURAZIONE SABATO 18 GENNAIO 2020 alle ore 17 presso GALLERIA S.ANDREA via Cavestro 6, Parma dal 18 al 30 gennaio 2020 Orari: da martedì a sabato 10-12 e 16-19; domenica 16-19; lunedì chiuso Info: tel. 0521 228136; info@ucai-parma.it

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Sabato 18 gennaio alle ore 17 in centro città inaugura la mostra ACQUERELLI presso la Galleria S.Andrea. Giunta ormai alla Settima Edizione questa collettiva dedicata alla tecnica apparentemente semplice dell’acquarello ha come protagoniste quattro autrici con formazioni ed esiti totalmente differenti. Patrizia Bartoli, nata a Salo’ (Bs), già dall’infanzia ha dimostrato di possedere il dono di una grande espressività attraverso svariati interessi che spaziano dalla fotografia, alla poesia e al disegno. Negli ultimi anni ha approfondito la tecnica dell’acquarello attraverso la fusione dei colori e la ricerca della trasparenza tipica di questo genere di rappresentazione. Ha frequentato molti stage con più maestri tra cui Adriana Buggino, Erwin Kastner, Giuliano Boscaini, Viktoria Prischedko, Julia Barmino, cercando di approfondire le varie tecniche, interpretandole poi con la propria personalità pittorica. Giovane artista autodidatta, Francesca Giambiasi matura il suo amore per la pittura fin dall’infanzia. Seppur gli studi e il lavoro l’abbiano condotta verso altre direzioni professionali, ha continuato negli anni a coltivare la sua passione per la pittura, in particolare per quella ad olio. Da qualche anno ha iniziato a sperimentare l’acquerello, incuriosita da un mondo delicato, ben lontano dai colori decisi dei suoi dipinti ad olio, ma in egual modo ricco di fascino. In occasione di questa collettiva espone per la prima volta i suoi delicati volti femminili, caratterizzati da un’eleganza e un fascino gentile che solo le trasparenze dell’acqua riescono a conferire. Ritratti soavi che quasi trasportano chi li osserva fra i pensieri delle giovani protagoniste. Mariantonia Mazzeo dipingo ormai da alcuni anni, sebbene la prima parte del suo vissuto sia stata assorbita da altri impegni decisamente non artistici, ha poi potuto dedicarsi con costanza e grande passione alla pittura e l’acquerello è la tecnica a cui sente di appartenere. Spontaneità è la parola chiave con cui lo descrive: l’acqua incontrandosi coi colori crea contrasti, luci ed ombre che possono essere guidati ma non intrappolati e perciò sono espressione di libertà’, pura poesia. Alessia Rampulla, la più giovane del gruppo, (21 anni) di origini parmigiane è autodidatta e dotata di un talento che sperimenta tra acquerelli, inchiostri, tempera e tecnica digitale. Il suo è uno stile misto e calcato, ma prevalentemente fumettistico, ispirato in parte al linguaggio in stile vittoriano riletto in chiave contemporanea. I soggetti dei disegni sono intensi e diretti ed alludono ad emozioni profonde.
Torna su
ParmaToday è in caricamento