Animali

Cos’è la genetta: tutto quello che bisogna conoscere su questa specie selvatica

Hai mai sentito parlare della genetta? Scopriamo insieme tutte le caratteristiche di questo mammifero molto simile al gatto.

Questa è la coraggiosa e agile genetta comune (Genetta genetta), un mammifero che presenta alcune somiglianze con i gatti, sebbene non sia imparentato con loro. La specie è stata introdotta in Portogallo molto tempo fa, è diventata uno dei mammiferi selvatici più comuni e può essere trovata in tutto il Portogallo continentale.

La genetta è una specie solitaria che ama girovagare di notte nei suoi habitat preferiti – aree boschive, vegetazione in prossimità di corsi d'acqua e zone rocciose – nascosti alla vista umana, ma è anche una specie adattabile, capace di vivere in molti ambienti diversi, compresi quelli vicini alle aree urbane.

Durante il giorno preferisce rifugiarsi sotto i cespugli e gli alberi, dalle fitte conifere ai castagni, o negli avvallamenti rocciosi. Evita l'aperta campagna, dove è più vulnerabile, ma tollera di vivere in piccoli boschi o campi di lecci, sughere, oliveti, vigneti e altre aree agricole, purché fiancheggiate da fitte siepi o situate in prossimità di boschi e foreste.

Comportamento

Il suo comportamento è essenzialmente notturno e caccia al buio, per poi ritornare alla sicurezza e al comfort della sua tana, che delimita con la vegetazione che trova nelle vicinanze.

Sebbene si nutra principalmente della carne di piccoli animali (come i roditori), fanno parte della sua dieta anche insetti, bacche e altri frutti (soprattutto quelli autunnali). Ecco perché la genetta è considerata onnivora, o meglio mesocarnivora, nome dato a specie che, come le genette, le volpi, le donnole, i tassi e le lontre, integrano la loro dieta a base di carne con altri alimenti.

Gattili, colonie feline e oasi: differenze e caratteristiche delle strutture che ospitano i gatti

Caratteristiche fisiche della genetta 

Di medie dimensioni con un corpo lungo e snello, le genette hanno una pelliccia marrone con macchie scure e una striscia nera che corre lungo il corpo. La genetta ha un muso appuntito, che è disegnato bianco su nero (o grigio scuro) e sembra formare piccoli triangoli sotto i suoi piccoli occhi e intorno alla bocca. Maschi e femmine sono simili in tutti gli aspetti, ma il primo è leggermente più grande.

Le sue zampe a cinque dita hanno artigli corti, affilati e semi-retrattili, che usa per arrampicarsi sugli alberi. Le loro code sono lunghe e soffici e sono ricoperte da otto a dieci anelli di pelo nero o grigio. I loro arti corti e le orecchie larghe e triangolari sottolineano ulteriormente la loro somiglianza con i gatti. Come loro, anche le genette sono agili, il che è dovuto in parte al loro peso leggero – pesano tra 1,2 e 2 chilogrammi – e ai loro corpi lunghi e snelli. Oltre a saltare e arrampicarsi sugli alberi, sono anche abili nuotatori.

La genetta raggiunge la maturità sessuale all'età di due anni. Si riproduce tutto l'anno, ma si registrano più nascite tra aprile e maggio e tra agosto e settembre. La gestazione è breve, dura solo circa 70 giorni, ed è relativamente comune per loro avere due cucciolate all'anno. In ogni cucciolata nascono da uno a quattro figli. A otto settimane, dopo lo svezzamento, i piccoli sono pronti a lasciare il nido per la prima volta, ma solo a 12 mesi lo lasciano definitivamente.

Sebbene lo stato di conservazione della genetta sia di “Least Concern” (LC) sia in Portogallo sia nel mondo, è protetta dall’Allegato III della Convenzione di Berna e dall’Allegato B-V della Direttiva Habitat. Per quanto riguarda la loro protezione, bisogna prestare attenzione alle minacce come la riduzione e la perdita degli habitat, che contribuiscono a spingere queste sfuggenti creature ad avventurarsi nelle aree urbanizzate, dove vengono spesso investite.

Gatto Lykoi: tutto su questo mini “lupo mannaro”

Genetta: altre curiosità da conoscere

La genetta è una specie di origine africana, l'unico membro della famiglia dei Viverridae in Portogallo, la cui introduzione in Europa è ancora oggi sotto esame. La teoria più diffusa è che siano stati gli arabi a portarlo nella penisola iberica durante le invasioni musulmane (VIII secolo), ma studi recenti (analisi molecolare) indicano che la sua introduzione nel sud della penisola iberica potrebbe essere avvenuto molto prima, dal tempo in cui i Fenici stabilirono le loro rotte commerciali attraverso il Mediterraneo. Non c'è dubbio che sia stata introdotta molto tempo fa e che la specie si sia adattata così bene al Portogallo che viene considerata parte della fauna selvatica locale.

Le genette, come le donnole, producono secrezioni dall'odore sgradevole. Queste sostanze vengono prodotte per stabilire il territorio e trasmettere messaggi sul comportamento sessuale o sociale. Ad esempio, quando sono spaventati o arrabbiati da animali in competizione o predatori, queste sostanze aiutano a scoraggiare presenze indesiderate.

Le loro vocalizzazioni sono un altro dei loro modi di comunicare e si conoscono diversi suoni: quando hanno paura, i suoni che producono assomigliano a un ringhio; rumori simili a singhiozzi (clic) sono frequenti tra le madri e i loro piccoli, così come tra femmine e maschi durante la stagione degli amori; e i piccoli emettono suoni molto simili al miagolio dei gatti.

Articolo originale su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cos’è la genetta: tutto quello che bisogna conoscere su questa specie selvatica
ParmaToday è in caricamento