Pinko Fidenza, 24 lavoratrici verso il licenziamento. Sindacati: "Ha aperto negozi, ci sembra bizzarro"

A febbraio la Cris Conf Spa, conosciuta con il suo marchio di abbigliamento, ha dichiarato un esubero di personale di 44 lavoratori dipendenti. Filctem Cgil e Femca Cisl: "Vogliamo la Cassa di integrazione straordinaria"

A fine febbraio 2013 la ditta Cris Conf SpA, meglio conosciuta con il suo marchio di abbigliamento Pinko ha dichiarato un esubero di personale di 44 lavoratori dipendenti, principalmente donne, su tutto il territorio nazionale di cui 24 nella sede di Fidenza. "L'azienda -fanno sapere i sindacati- nonostante i risutati di bilancio positivi degli anni passati, e nonostante il periodo di crisi economica generalizzata, ha deciso di riorganizzarsi scegliendo per i lavoratori la strada del licenziamento".

"La trattativa sindacale -sottolineano Filctem Cgil e Femca Cisl- che è proseguita fino alla settimana scorsa per ricercare soluzioni condivise, alternative ai licenziamenti, si è fermata a causa di una decisione unilaterale della direzione aziendale di chiedere l'incontro al Ministero accelerando i tempi di chiusura di tutta la procedura per la prima metà di maggio". I sindacati ritengono che, anche per salvaguardare l’occupazione, vi siano i presupposti per una richiesta di cassa integrazione straordinaria per ristrutturazione e riorganizzazione, e sono convinti che attraverso una seria formazione e riqualificazione del personale si possa ridurre il numero di persone dichiarate in esubero.

"L'azienda -si legge in una nota- infatti, in questo periodo, ha fatto nuovi investimenti e aperto nuovi negozi, per cui sembra quantomeno bizzaro che siano solo i lavoratori dipendenti a pagarne il prezzo. Il sindacato ha inoltre richiesto la costituzione di un tavolo istituzionale alla Provincia di Parma e al Comune di Fidenza nella convinzione che tutti i soggetti istituzionali del territorio debbano avere un ruolo attivo nella salvagurdia dei posti di lavoro, in particolare in una pesante situazione di crisi economica come quella attuale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento