Attualità

A Natale si è tutti più buoni, così buoni da non sprecare

Ecco il tema scelto da Parmalat per il Natale 2018, festeggiato a Collecchio sabato 1° dicembre con tutti i suoi dipendenti

In Parmalat il Natale è arrivato in anticipo con la festa dedicata dall’azienda a tutti i suoi dipendenti.

Sabato scorso un villaggio natalizio con una luminosa renna e una slitta carica di doni ha accolto le famiglie che hanno potuto vivere un momento ludico di gioco e divertimento, dedicato però a ricordare anche un argomento importante: tema della giornata è stato, infatti, il riciclo creativo.

Le attività di intrattenimento, soprattutto per i più piccoli, hanno voluto riportare l’attenzione all’importanza del rispetto per l’ambiente; il recupero creativo dei contenitori è stato lo stimolo per attività di manualità, fantasia e creatività.

Con il riutilizzo dei contenitori sono state realizzate suggestive lanterne di Natale, grazie a carta colorata, perline e luci. Ma non solo, gli avanzi delle confezioni di produzione (bottiglie del latte e vasetti dello yogurt, cartone per bevande) sono serviti per modellare statuine e oggetti per il Presepe Parmalat.

E mentre i bambini giocavano e costruivano i visitatori più grandi sono stati invitati a rispondere a divertenti domande sul Natale tramite una enorme ruota…“Quante Renne aveva la slitta di babbo natale?... Quanti tipi di Natale esistono al mondo? Se è Natale per noi, è Natale per tutti?”.

Ad intrattenere le famiglie anche Rosita, strampalata e sognatrice donna vestita di rosso, che con i suoi giochi di illusionismo, equilibrismo e manipolazione degli oggetti, ha stupito grandi e piccini.

Durante la giornata è stato anche possibile vistare lo stabilimento produttivo e scoprire, grazie alle “Guide Parmalat” tutti i segreti degli impianti di lavorazione delle materie prime.

Una lotteria finale ha salutato e premiato infine tutti gli ospiti con un divertente e misterioso regalo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Natale si è tutti più buoni, così buoni da non sprecare

ParmaToday è in caricamento