"A Parma e provincia 5 milioni e 400mila euro alle scuole private"

Gilda: "Il recente provvedimento dell’Ufficio Scolastico dell’Emilia Romagna è semplicemente una vergogna"

"Il recente provvedimento -si legge in una nota della Gilda di Parma e Piacenza - dell’Ufficio Scolastico dell’Emilia Romagna che, in applicazione di norme nazionali, stanzia a fondo perduto circa 5 milione e 400mila euro per le scuole private che si trovano a Parma e Provincia è semplicemente una vergogna.

Mentre i dipendenti della scuola pubblica percepiscono paghe miserevoli, non si stabilizzano migliaia di docenti che da anni fanno funzionare la scuola e non si sa come organizzare per il prossimo anno scolastico, lo Stato continua a devolvere valanghe di soldi dei contribuenti ai privati che hanno aperto scuole sul territorio e per questo già incassano il dovuto dai loro clienti.

Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda di Parma e Piacenza, dichiara: “Siamo orgogliosamente l'unica organizzazione sindacale che a Parma e Piacenza, come sempre, rompe il muro di silenzio rispetto a questa macroscopica offesa al comune senso del pudore, regalare quattrini a valanga togliendoli alla scuola statale è uno schifo, ove la scuola statale è meno presente lo Stato deve semplicemente investire più soldi per potenziare la Sua scuola senza se e senza ma, non ci parlino di risparmio: i soldi spesi per la scuola Statale sono sempre e comunque un investimento- prosegue - non siamo contro le imprese private ci mancherebbe, ma non è giusto che il loro business sia pagato dalla collettività"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento