A San Francesco del Prato i detenuti confezionano i gadget del restauro di un simbolo di Parma

I detenuti hanno realizzato 35 scatole per altrettante formelle, curandone tutte le fasi, dall’inserimento nel contenitore all’impacchettamento

an Francesco del Prato - Abside - Credit Giuseppe Bigliardi.

Che molti stiano dando il proprio contributo per partecipare all’opera di restauro di San Francesco del Prato a Parma, configurandola come un progetto di interesse comune e condiviso, è ormai un fatto evidente. L’iniziativa di adesione più recente ha però il sapore del riscatto e richiama alla memoria il periodo – non troppo lontano - in cui l’edificio era utilizzato come struttura carceraria. Oggi sono stati, infatti, i detenuti della Media Sicurezza a offrire, in una encomiabile attività di volontariato, la manodopera necessaria per il confezionamento dei contenitori in cartone destinati alle formelle. Quest’ultime costituiscono un altro ricordo e ringraziamento destinato a quanti, con le loro donazioni, dimostrano di voler essere concretamente parte attiva di un’impresa storica, volta a restituire a Parma uno dei suoi simboli architettonici, destinato altresì a rivestire un ruolo di primo piano per la città Capitale Italiana della Cultura 2020.

In particolare, nella giornata di sabato 16 novembre 2019, i detenuti hanno realizzato 35 scatole per altrettante formelle, curandone tutte le fasi, dall’inserimento nel contenitore all’impacchettamento dello stesso. Mauretta Ghirardi, dell’associazione volontari penitenziari “Per Ricominciare” ha così commentato: «Sono 6 i detenuti che si sono proposti, a titolo gratuito, per questa l’attività. Si tratta di persone di diversa nazionalità, etnia e religione (3 italiani, 2 africani e 1 moldavo) che hanno voluto fare una cosa utile per la comunità, e nel farlo hanno lavorato insieme, condividendo le loro storie, le difficoltà, gli errori, sono entrati in contatto, tra di loro e con noi volontari dell’associazione, in modo profondo e vero».

Per chiunque voglia sostenere l’opera di recupero di questo straordinario edificio:

BENEFICIARIO Diocesi di Parma
IBAN IT02N0623012700000038406827 c/o Crédit Agricole Italia
CAUSALE Art Bonus – Diocesi di Parma – San Francesco del Prato – Parma – Codice Fiscale o P. Iva del donante.
Il sostenitore versa una cifra a piacere sul sito www.sanfrancescodelprato.it tramite carta di credito o bonifico.
Art Bonus consente il recupero fiscale del 65%, in tre anni, dell’importo donato sia da cittadini che da imprese

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

Torna su
ParmaToday è in caricamento