Venerdì, 14 Maggio 2021
Attualità

A teatro contro la dipendenza da gioco d’azzardo

Uno spettacolo al Magnani di Fidenza giovedì 7 febbraio

Il contrasto al gioco d’azzardo patologico fa tappa a Fidenza, con uno spettacolo che racconta le storie di  tanti personaggi  - un barista, un ex direttore delle poste, un comico, un politico, un muratore e una casalinga -  in lotta contro il dramma della dipendenza dal gioco compulsivo. 

L’appuntamento è per giovedì 7 febbraio, dalle 20.30, al teatro Magnani dove va in scena  “La gallina. Storie d’azzardo e altre storie” di e con Daniele Raco, comico di Zelig.

L’obiettivo della serata è coinvolgere e sensibilizzare il pubblico sul problema, sempre più diffuso, del gioco d’azzardo e della dipendenza patologica: una vera e propria piaga sociale con conseguenze pesanti non solo per il giocatore, ma anche per la sua famiglia, sul piano economico e psicologico.

L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti.

E’ un’iniziativa dell’Azienda USL di Parma realizzata in collaborazione con il Comune di Fidenza nell'ambito del Piano locale GAP (Gioco d’Azzardo Patologico), con il contributo della Regione Emilia-Romagna. Nel corso dell’anno sono previsti diversi appuntamenti in altri Comuni del Distretto.

DA DIVERTIMENTO A MALATTIA
Il gioco d’azzardo è accettato, pubblicizzato e sempre più a “portata di mano”. C’è chi vive il gioco senza problemi, come un divertimento, molti non sono consapevoli dei rischi che il gioco può comportare. Quando da passatempo si fa  dipendenza, il gioco d’azzardo diventa patologico, quindi una malattia.

A CHI RIVOLGERSI Ai professionisti dei Serdp (Servizi per le dipendenze patologiche) dell’AUSL (info su sedi e orari sul sito www.ausl.pr.it). L'accesso al Servizio è gratuito e diretto: non si paga alcun ticket e non occorre  la richiesta del medico.

ALCUNI CONSIGLI PER CHI GIOCA: limitare tempo e denaro destinati al gioco; non giocare quando si hanno dei debiti; non farsi prestare denaro per il gioco; non giocare quando si vive una situazione di stress emotivo; coltivare altri interessi; non giocare con chi scommette pesantemente; non mescolare alcol e droga al gioco. Da ricordare: non esistono giorni, macchine, carte, giocate e giri fortunati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A teatro contro la dipendenza da gioco d’azzardo

ParmaToday è in caricamento