rotate-mobile
L'INCHIESTA / Golese / Strada Baganzola

Aeroporto, ecco cosa dice il Masterplan: pista allungata di 516 metri anche per gli Airbus 330 con un'apertura alare di 60 metri

Il totale dei costi previsti è 20 milioni e 850 mila euro, di cui 12 milioni della Regione Emilia-Romagna e 8.850 mila dei privati. Verranno pavimentati 241 mila metri quadrati di superficie. Previsto un nuovo hangar e un polo logistico per il cargo: "Sarà un punto di raccolta ideale per richiamare player come Amazon" 

Dopo l'approvazione (tra le polemiche) della delibera relativa al Masterplan 2018-2025 dell'aeroporto Verdi nel Consiglio comunale del 9 ottobre oggi, giovedì 12 ottobre, si terrà la conferenza dei servizi, convocata dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. E' questo il prossimo passaggio fondamentale per il futuro dello scalo parmigiano. Ma cosa dice concretamente il progetto presentato dalla società di gestione Sogeap e da Enac? Lo abbiamo analizzato per capire quali saranno, secondo quanto riportato nel testo, le novità più significative del nostro aeroporto. Sempre che la procedura proceda senza intoppi e il progetto non venga modificato ulteriormente. 

La nuova pista con il nuovo hangar e il polo cargo

Aeroporto, la pista verrà allungata di 516 metri: da 2124 a 2640 metri 

Secondo il progetto del Masterplan 2018-2025 la pista dell'aeroporto Giuseppe Verdi di Parma, che ora ha una lunghezza di 2124 metri x 45 metri di larghezza, verrà allungata di 516 metri: passerà quindi da 2.124 metri e 2.640 metri. Non più quindi 3 mila metri come nel progetto originario presentato da Sogeap: l'allungamento sarà quindi di 360 metri in meno. Secondo quanto riportato nel piano la pista attuale "non consente operazioni su tratte a medio/lungo raggio tantomeno di aerei cargo. Dal punto di vista strutturale, a seguito anche dei risultati di indagini di dettaglio effettuate recentemente, la pavimentazione della pista di volo necessita a breve di interventi di riqualifica e adeguamento".

Un Airbus 330

Ecco i nuovi aerei che atterreranno al Verdi: Boeing 757, i Boeing 767 e gli Airbus 330 con un'apertura alare di 60 metri 

Con la nuova pista allungata a Parma potranno partire ed atterrare aerei Boeing 757, Boeing 767 con un'apertura alare di 48 metri e Airbus 330, che hanno un'apertura alare di 60 metri. "Le attuali distanze dichiarate della pista di volo - si legge nel testo del Masterplan aggiornato - consentono esclusivamente le operazioni ad aeromobili ICAO Code C e, posto che gli obiettivi prefissati con il Piano di Sviluppo Aeroportuale vedono la movimentazione di aeromobili con ICAO Code D e E (i.e. B757, B767 E A330), si è resa necessaria la progettazione dell’allungamento verso Nord dell’infrastruttura di volo esistente dagli attuali 2124 m ai prossimi 2640 m, per un incremento complessivo di 516 m". 

Aeroporto, il nuovo hangar1-2

L'analisi del traffico aereo: nel 2025 12 voli passeggeri al giorno e 1.5 voli cargo 

Il Masterplan dell'aeroporto Verdi 2018-2025 calcola anche i volumi presunti del traffico, sia per quanto riguarda le merci che per i passeggeri. Per il 2025 sono previsti 4.281 voli turistici e 551 movimenti relativi al Cargo. Sono previsti, per il 2025, 200 mila passeggeri (in media 12 voli passeggeri al giorno) e 22 mila tonnellate di merci (in media 1.5 voli cargo al giorno). Secondo quanto previsto dal piano nel 2035 si dovrebbe raggiungere il traguardo di 1,2 milioni di passeggeri all’anno (25 voli passeggeri al giorno) contro 3 voli cargo al giorno.

Il Masterplan: "L'allungamento della pista consentirà di avviare il trasporto Cargo entro il 2024" 

Sarà proprio l'allungamento della pista di 516 metri a consentire di avviare il trasporto Cargo, tanto osteggiato dai comitati e contro il quale si sono espresse molte forze politiche di maggioranza e di opposizione. "L’allungamento e consolidamento della pista di volo - si legge sempre nel Masterplan - che sarà attuato nel momento più immediato possibile e comunque avviato entro l’anno 2024, consentirà di iniziare anche il vero e proprio trasporto di merci (cargo) per via aerea". 

Il Cargo si svilupperà dopo l'apertura della Cispadana: "Sarà un punto di raccolta ideale per richiamare player come Amazon" 

Nel piano si citano poi le previsioni di traffico relativo al trasporto merci, contenute nel Piano Strategico 2016-2020. "Il Piano Strategico 2016-2020 fa osservare che Parma ha una posizione geografica ideale per la gestione del traffico merci cargo generato immediatamente ad una distanza di 3 ore di guida camionale a 360° Nord e Centro Italia. Ma soprattutto con la prossima apertura della CisPadana sarà il punto di raccolta ideale essendo che collegherà entrambi i mari Tirreno/Mediterraneo e Adriatico oltre all’Interporto di Parma consentendo come richiedono maggiori player ad esempio Amazon di aumentare il numero delle frequenze riducendo il volume per singolo trasporto dando un servizio migliore alla clientela che desidera ricevere prontamente la propria merce “Just in Tim". 

Aeroporto, le superfici pavimentate

Polo logistico, piazzale e magazzino merci: 241 mila metri quadrati di superfici pavimentate 

Oltre all'allungamento della pista il progetto di rilancio prevede la realizzazione di un polo logistico - pensato per stoccare le merci che arriveranno con i trasporti Cargo - un nuovo piazzale e un nuovo magazzino. La superficie totale di questi interventi sarà di circa 61 mila metri quadrati. La consistenza complessiva delle superfici pavimentate sarà di 241 mila metri quadrati, considerando tutti gli interventi dall'allungamento della pista di volo al nuovo piazzale per la logistica e la viabilità. 

"Gli interventi prevedono l’acquisizione (in corso di cessione) delle aree attualmente occupate dall’Aeronautica Militare, la bonifica di tale area attraverso demolizioni e stabilizzazioni del terreno ed un nuovo magazzino merci di circa 5.100 m², il tutto per complessivi m² 61.000 circa. Per quest’area sono previsti due piazzali: uno lato land side per la movimentazione su gomma ed uno lato airside per il parcheggio e la movimentazione degli aeromobili" 

Aeroporto, il nuovo polo logistico

I nuovi edifici, l'hangar e il terminal logistica per 91 mila metri cubi 

Nel progetto è prevista anche la realizzazione di un nuovo hangar: una struttura prefavvricata per la manutenzione degli aeromobili fino a quelli di classe C. 

"In relazione alle attività di sviluppo si prevede la realizzazione in struttura prefabbricata di un nuovo hangar di manutenzione aeromobili fino a classe C, in zona adiacente agli attuali dedicati all’aviazione generale. Il nuovo volume previsto sarà di circa 27.000 m³ sviluppati su una superficie di 2.500 m². Tale edificazione rende necessario la riprotezione della tensostruttura adibita a ricovero mezzi in prossimità dell’impianto rifornimento carburante"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporto, ecco cosa dice il Masterplan: pista allungata di 516 metri anche per gli Airbus 330 con un'apertura alare di 60 metri

ParmaToday è in caricamento