"Al Parco Nord i pusher vendono droga davanti a mia figlia di 4 anni"

La denuncia di una residente: "Ora in qualsiasi via mi trovi, vedo sempre le stesse scene: stesso via vai di spacciatori, tutto sotto gli occhi di tutti, bambini compresi, in pieno giorno"

Quartiere San Leonardo. La testimonianza di una nostra lettrice, nata e cresciuta in quelle strade, descrive bene i sentimenti di molti residenti che, nel corso degli anni, abbiamo incontrato per strada come cronisti. Il parco Nord, spazio verde bellissimo  Ecco la sua lettera 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non credo che smetterò mai di rassegnarmi al degrado in cui è caduto il quartire in cui sono nata e cresciuta. Ovviamente sto parlando del quartiere San Leonardo: una volta, neanche troppo tempo fa, era un quartiere vivo, si organizzavano feste, era un quartiere allegro e la gente e i bambini potevano passeggiare liberamente. Ora in qualsiasi via mi trovi, vedo sempre le stesse scene: stesso via vai di spacciatori, tutto sotto gli occhi di tutti, bambini compresi, in pieno giorno. Tra Via Palermo e Via Trento ci passo quattro volte in una giornata, e la scena è sempre la stessa ad ogni ora: ragazzi di colore appostati agli incroci, o "passeggiano" avanti e indietro senza una meta precisa, l'incontro con l'acquirente ed ecco lo scambio senza neanche troppo nascondersi. Via Venezia, via Doberdò, Vicino al sottopasso della Ferrovia di via Trento...sempre uguale! Per non parlare poi del venerdì pomeriggio dove a volte, vicino al mercato ortofrutticolo Mercatiamo, si vedono e sentono scene veramente allucinanti. La scena più raccapricciante è stata però ieri: ero al parco nord dove è stato organizzato un bel pomeriggio di giochi per i bambini. Da un lato del parco si sentivano le urla e risate di gioco dei bambini, dall'altra gruppi di ragazzi di colore avevano "occupato" l'altra metà del parco. Verso le 18,30 stavo per andare via con mia figlia passando dall'uscita dietro il Conad: e proprio li davanti agli occhi di una bambina di 4 anni avviene lo scambio. Io sono arrabbiata, sono arrabbiata di quanto sia potuto cadere in basso questo quartiere. Sono arrabbiata perchè tutti sanno e tutti vedono perchè è sotto gli occhi di tutti. Sono arrabbiata perchè basta fare pochi passi verso il centro e si vedono i lavori in vista di "Parma Capitale delle Cultura 2020". Sono arrabbiata perchè c'è chi pensa di spendere soldi per inutili e dannose piste ciclabili o altri interventi solo di facciata invece che rendere questa città ancora vivibile e sicura! Sono arrabbiata perchè questa situazione non è nata ieri, ma va avanti da anni ormai e non fa altro che peggiorare. Sono arrabbiata perchè chi può veramente fare qualcosa non fa assolutamente nulla per migliorare le condizioni di vita della gente comune". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

  • Parma-Carli, incontro positivo: strategie e richieste

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento