Sabato, 19 Giugno 2021
Attualità

Al via il crowdfunding per una Guida di Viaggio all’Oltretorrente

Dieci itinerari per scoprire storie e luoghi “al di là dell’acqua”

Dieci itinerari alla scoperta di luoghi e personaggi che hanno fatto la storia dell’Oltretorrente. È il progetto editoriale “Guida di Viaggio all’Oltretorrente” a cui sta lavorando il giornalista Francesco Dradi e che vedrà la luce, o meglio, la stampa, in autunno. Il progetto è stato presentato con un duplice scopo: da un lato attivare il crowdfunding a sostegno dell’opera, dall’altro lanciare un appello per invitare gli abitanti dell’Oltretorrente a raccontare ricordi e storie di vita vissuta.

“L’Oltretorrente – dice Francesco Dradi – è un quartiere ricco di micro-storie che hanno intersecato la grande storia. È molto amato dai suoi abitanti e da tutti i parmigiani. Ho già effettuato alcune passeggiate narrative in passato, percorrendo i luoghi e raccontando le storie “di là dall’acqua” riscontrando notevole interesse. Per questo motivo ho pensato di realizzare un’opera che proponga tramite la forma del racconto, dieci passeggiate da compiere passo passo nelle strade e piazze del quartiere, o semplicemente da leggere, immaginandosi luoghi e situazioni guardando fotografie d’epoca. Nel mentre, nella fase di gestazione, mi sono accorto che le fonti documentali non erano sufficienti. Sento che per cercare di realizzare bene una Guida di Viaggio devi ascoltare anche chi abita nei luoghi, o che ci è nato e ha vissuto. Il racconto orale della microstoria che interseca la grande storia è un arricchimento speciale, ineludibile per un libro del genere”.

“Tra un anno – aggiunge Dradi - ricorrerà il centenario delle Barricate che, possiamo dire, è il mito fondativo dell’Oltretorrente. Nonostante ciò, molti hanno un’idea vaga di cosa successe, dei fatti e dei luoghi ove si svolsero, benché ci siano fior di libri, e valenti storici che si impegnano nella divulgazione, anche con tour guidati. Non solo: questo decennio è ancora più importante perché, sebbene la data sia incerta, le prime testimonianze scritte sull’esistenza di un agglomerato di quartiere, allora denominato Co’ di Ponte, sono degli anni attorno al 1028 e dunque è un millennio “di là dall’acqua”. L’idea di una Guida di Viaggio all’Oltretorrente che permetta di riscoprire angoli nascosti o storie dimenticate vuol essere un contributo nel valorizzare il quartiere”. 

Nel corso dell’incontro, introdotto dalle domande di Carlotta Taddei, insegnante e storica dell’arte, l’autore ha accennato ad alcuni dei dieci percorsi che si troveranno nel libro: dal filo invisibile che lega Guido Picelli a Padre Lino ed Arturo Toscanini, all’itinerario delle Osterie di una volta, a quello dedicato alla cronaca nera, che ripercorrerà le vicende del delitto Mazza per poi dirigersi verso i luoghi delle rivolte popolari di inizio Novecento.

Sono intervenuti all’incontro anche Claudio Cavazzini e Mirella Cenni, rispettivamente presidente e responsabile settore cultura della Famija Pramzana, che hanno assicurato la loro collaborazione.Chi volesse sostenere il progetto editoriale può fare un’offerta tramite il sito www.viaggioinoltretorrente.it . Alla realizzazione del progetto il donatore riceverà inomaggio una copia del libro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via il crowdfunding per una Guida di Viaggio all’Oltretorrente

ParmaToday è in caricamento