rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Attualità

Anna e Davide vivono ancora in auto: "Dal Comune ci hanno proposto solo il dormitorio"

La loro storia è stata ripresa da altre testate ed ha attivato la solidarietà dei parmigiani. "Dovremmo separarci, io andrei in quello femminile e Davide in quello maschile. Il nostro cane Macchia, poi, non potrebbe entrare"

Dormono ancora in auto Anna Petronelli e Davide Libralon, la coppia che da agosto del 2023 non ha una casa e passa tutte le giornate e le nottate all'interno di una piccola monovolume parcheggiata nei pressi del Palazzetto dello Sport a Parma. Dopo il racconto a Parmatoday la storia è stata ripresa da altre testate, dalla Gazzetta di Reggio Emilia (Anna ha vissuto per anni in quella provincia) ad una trasmissione televisiva di Mediaset, che ha intervistato i due.

Davide e Anna, dormono in auto da cinque mesi: "Dal Comune di Parma solo il dormitorio" 

"Abbiamo fatto un incontro con gli assistenti sociali - ci racconta Anna - e l'unica cosa che il Comune di Parma ci propone è il dormitorio. Dovremmo separarci, io andrei in quello femminile e Davide in quello maschile. Il nostro cane Macchia, poi, non potrebbe entrare. Non ci hanno proposto altre soluzioni di emergenza ma noi aspettiamo fiduciosi": 

La solidarietà dei parmigiani si è fatta sentire concretamente: il gestore di un residence gli ha offerto anche un alloggio per tutto il mese di gennaio. "Lo ringraziamo tantissimo: ora andiamo in quella struttura a farci la doccia. Ci ha dato la possibilità di stare meglio. Ora non possiamo lasciare le nostre cose incustodite perchè le rubano. E' già successo che qualcuno abbia preso il nostro cibo". 

Davide Libralon ha 48 anni e nonostante abbia un lavoro a tempo indeterminato non può permettersi di sostenere le spese di un affitto, i cui costi sono saliti alle stelle negli ultimi mesi. Con la compagna, Anna Petronelli di 63 anni, sono costretti a vivere in una piccola monovolume, parcheggiata nell'area di sosta vicino al Palazzetto dello Sport a Parma.

"Affitti alle stelle, viviamo in auto dal mese di agosto"

"Siamo originari di Varese e ci siamo spostati a Parma per motivi di lavoro - sottolineano Davide e Anna, che hanno deciso di raccontare la loro storia a Parmatoday. Quando l'azienda mi ha proposto un posto di lavoro a Parma ho subito accettato, poi il posto è diventato anche a tempo indeterminato dal 1° dicembre. Avevo un accordo per una casa in affitto, che poi è saltato. Da quel momento (l'11 agosto) siamo rimasti a dormire nella mia auto. Non riusciamo a trovare un appartamento in affitto: i costi sono troppo alti. Ho uno stipendio, ma devo pagare gli alimenti alla mia ex moglie. Non abbiamo soldi a sufficienza per poterci permettere un affitto da 700 euro in città e nemmeno da 400 euro fuori città".

Anna e Davide vivono nell'auto con il loro cane Macchia. "Fa la guardia di notte ma dormo comunque con un occhio aperto" sottolinea Davide e con il gatto Gigio. "È vagabondo ma torna di notte". Una famiglia che non ha trovato ascolto da parte delle istituzioni. "Abbiamo fatto diversi incontri con i servizi sociali ma non ci hanno offerto nessuna soluzione. Ho anche scritto diverse mail sia agli assistenti sociali, ma non siamo stati ascoltati. Abbiamo preso la residenza a Parma in una via 'fittizia' per consentirci di avere i servizi essenziali, come il medico di base".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anna e Davide vivono ancora in auto: "Dal Comune ci hanno proposto solo il dormitorio"

ParmaToday è in caricamento