L'App Immuni sarà attiva da fine maggio

Ecco cosa fare se si riceve un alert

L'app Immuni sarà pronta per essere scaricata sugli smartphone solo a fine maggio. È quanto ha affermato il commissario straordinario per l'emergenza coronavirus Domenico Arcuri, ascoltato in audizione informale in videoconferenza in Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera. "Ritengo che, a cavallo di fine mese, la app sarà pronta per essere usata" ha detto Arcuri, aggiungendo che "allo stato si può ritenere che la app sarà completamente coerente con le previsioni".

"È importante sottolineare - ha detto Arcuri - che, allo stato dell'arte, le funzionalità della app fungeranno solo sino all'alert dei contatti registrati da un sospetto contagiato. L'alert avverrà con le modalità previste dalla norma, una volta effettuato l'alert le funzionalità della app si concluderanno".

Cosa fare se si riceve un alert

Insomma, "non è prevista al momento alcuna ulteriore funzionalità che inerisca alcuna relazione tra la app e il Servizio sanitario nazionale successiva all'alert". In sostanza Immuni invierà una notifica a chi è stato per più di 15 minuti a contatto con un Covid-positivo, ma spetterà al cittadino che riceve la segnalazione attivarsi per comunicare alle autorità sanitarie che c'è stato un contatto a rischio. Per questo, ha sottolineato Arcuri, è necessario che "i sistemi sanitari regionali sottopongano il numero più alto di cittadini ai tamponi". 

"La app - ha spiegato il commissario all'emergenza - dà un alert a un device e dice: 'sei stato in contatto per più di 15 minuti negli ultimi 14 giorni con un altro device risultato contagiato'. A questo punto il possessore del device-contatto stretto deve attivarsi e se il sistema sanitario regionale non è pronto a sottoporlo in un tempo molto ravvicinato a un tampone, la app ci ha aiutato ma non ha fatto fino in fondo il suo lavoro e nessuno lo ha fatto".

In pratica, ha aggiunto, "la app ha solo il fine di rendere più veloce e più certa la natura, la dimensione e la popolazione dei contagi: non c'è più l'intervista, non c'è più la ricerca di un modo per contattare i contatti ma questo avviene attraverso questa funzionalità". Se nel momento in cui viene rintracciato un contatto stretto non si fa subito il tampone, "la app non ha conseguito il risultato per cui è stata pensata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento