rotate-mobile
Attualità Berceto

Nuovi autobus super ecologici a Bore e Berceto: costano 230 mila euro l'uno

Ecco i nuovi mezzi Tep Euro 6d destinati alle zone della montagna dell’Appennino parmense

Dopo le presentazioni di Rigoso e Corniglio, arrivano anche a Berceto e Bore i nuovi autobus Tep destinati alle zone della montagna dell’Appennino parmense, che serviranno le tratte Berceto-Fornovo-Parma e Bore – Parma. L’effettiva entrata in servizio ci sarà la prossima settimana, quando i bus cominceranno a trasportare studenti e pendolari lungo i percorsi della Val Taro e della Val Ceno.

A Bore era presente Andrea Corsini, Assessore a mobilità e trasporti, infrastrutture, turismo, commercio della Regione Emilia-Romagna: “È un impegno importante quello della Regione per la sostituzione rinnovo dei mezzi di trasporto pubblico locale che circolano sulle nostre strade.
Parliamo di 2200 bus che verranno sostituiti nei prossimi anni, con un investimento di 800 milioni di euro. Parma rientra in questo grande intervento di rigenerazione ambientale, con nuovi autobus a basso impatto ambientale che daranno un grande contributo in termini di sostenibilità, migliorando nel contempo le condizioni di vita per chi abita in montagna". 

20230414_151022

Andrea Massari, presidente della Provincia di Parma: “Interventi come quello che presentiamo oggi, così come l'accesso a tutti i servizi indispensabili, sono fondamentali perché gli abitanti della montagna possano continuare a vivere e lavorare in queste zone. Proprio in queste ore la
Provincia sta procedendo alla valutazione degli esiti delle gare con le quali siamo tornati dopo tanti anni a fare un investimento straordinario sul patrimonio delle nostre strade: 36,6 milioni di euro in due anni e mezzo per il rifacimento di pavimentazioni, barriere, segnaletica e interventi connessi.”. Roberto Prada, presidente di TEP: “Con questi nuovi autobus miglioriamo ulteriormente la qualità del parco autobus Tep. L'età media della flotta scende a circa 7 anni, contro una media nazionale di 12.”

A Berceto erano presenti Barbara Lori, Assessora alla Programmazione territoriale, Edilizia, Politiche abitative, Parchi e forestazione, Pari opportunità, Cooperazione internazionale allo sviluppo della Regione Emilia-Romagna e il sindaco Luigi Lucchi, mentre il suo omologo Diego
Giusti ha rappresentato il Comune di Bore. I mezzi presentati oggi sono degli IVECO Crossway forniti dalla concessionaria esclusiva per l’Emilia-Romagna Maresca e Fiorentino SpA. Dotati di catalizzatore selettivo SCR per l’abbattimento delle emissioni di ossidi d’azoto, sono veicoli di classe ambientale Euro 6D, la più alta e performante attualmente prevista dalle norme comunitarie di omologazione per il profilo di servizio che caratterizzerà l’impiego di questi veicoli. Per dotazioni e comodità sono adatti a servire anche le tratte più lunghe. Un miglioramento del servizio in termini di comfort e prestazioni per gli abitanti di queste zone che scelgono di muoversi col trasporto pubblico. I bus fanno parte di un lotto di 4 vetture, che andranno a sostituire altrettanti mezzi di classe ambientale inferiore.

TEP ha scelto di presentarli in questi giorni presso la località capolinea dei servizi cui saranno assegnati anche per condividere con le comunità la scelta dell’azienda di trasporto di investire nella qualità dei servizi offerti agli abitanti della zona. I nuovi Crossway hanno un costo di 230mila euro ciascuno, che sale ulteriormente se si considerano anche le tecnologie installate a bordo. Per l’acquisto Tep ha usufruito di un finanziamento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che ha coperto metà dell’importo, mentre per la parte restante l’azienda ha utilizzato risorse proprie.

I nuovi mezzi hanno 2 porte e una lunghezza leggermente inferiore rispetto ai bus tradizionali che offre più agilità sui tracciati di montagna, ma l’ingombro ridotto non compromette lo spazio disponibile. A bordo, infatti, c’è posto per 69 passeggeri. Un’ulteriore postazione è disponibile per
utenti con disabilità motorie, che possono salire facilmente grazie a una piattaforma mobile automatica. L’accesso al mezzo mediante i gradini, invece, è reso agevole dalla funzione kneeling che fa abbassare le sospensioni pneumatiche quando il bus arriva alla fermata, riducendo il
dislivello fra il marciapiedi e la porta. 

Nei prossimi giorni sarà attivo a bordo anche il dispositivo per l’acquisto del biglietto a zone direttamente a bordo con carta di pagamento contactless, particolarmente utile per le frazioni dove le rivendite non sono sempre attive. I bus sono dotati di impianto di climatizzazione per il affrescamento estivo e il riscaldamento invernale. Completano l’equipaggiamento le telecamere di sicurezza che comprendono quelle posteriori per agevolare le manovre del conducente e quelle interne all’abitacolo con funzioni di videosorveglianza.

Grazie alle emissioni ridotte, rappresentano un passo avanti verso gli obiettivi di mobilità sostenibile e di transizione ecologica che TEP si è posta. Dal 2018, l’azienda di trasporto pubblico di Parma e provincia ha investito 52 milioni di euro per acquistare quasi 200 nuovi bus. E’ già pronto, inoltre, un nuovo piano da 20 milioni di euro, equamente distribuiti tra città e provincia, per portare avanti l’impegno nel rinnovamento e miglioramento della flotta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi autobus super ecologici a Bore e Berceto: costano 230 mila euro l'uno

ParmaToday è in caricamento