Avis provinciale Parma: test sierologico gratuito per i donatori di sangue e plasma

Il servizio è a disposizione fino a fine 2020: ecco tutte le informazioni

Il presidente di Avis provinciale Parma, Roberto Pasini annuncia che da lunedi 16 luglio i donatori di sangue hanno una opportunità in più, quella di sottoporsi in modo volontario attraverso test seriologico, allo Studio Epidemiologico Regionale per valutare la sieroprevalenza dell’infezione da SARS-COV-2 nella popolazione di donatori di sangue e di emocomponenti in Emilia Romagna

AVIS ha infatti aderito come partner esecutivo a tale ricerca, mettendo a disposizione la sua rete capillare sul territorio. L’iter indicato è stato fornito e validato dal Servizio Sanitario Regionale. Le sedi Avis provinciali Parma sono a disposizione al fine di aiutare la ricerca nella lotta al COVID-19 attraverso una maggiore conoscenza della risposta immunitaria al virus nella popolazione.

Il donatore di sangue, emocomponenti o plasma, in occasione della donazione o degli esami di controllo potrà su base volontaria, richiedere in concomitanza alla donazione di fare il test sierologico. Il servizio è a disposizione fino a fine 2020 e quindi anche chi ha appena donato potrà accedere allo screening con la prossima donazione.

I test si eseguono in tutti i centri prelievo Avis, gli stessi in cui si va a donare abitualmente.

Se il test risulta negativo il donatore conclude la sua partecipazione allo studio. Se il test risulta positivo, il donatore verrà contattato da un medico del Servizio Trasfusionale per concordare l’esecuzione del tampone oro faringeo, per escludere che ci sia un’infezione in atto. Nel frattempo il donatore dovrà rimanere al proprio domicilio o residenza in isolamento fiduciario fino alla comunicazione del risultato del tampone.

In caso di negatività del tampone oro faringeo decade l’obbligo di isolamento fiduciario.

In caso di positività il donatore verrà contattato da operatori della Sanità Pubblica che gli forniranno tutte le indicazioni per la conclusione del percorso diagnostico.

Il Presidente Pasini sottolinea che - L'effettuazione del test è su base volontaria, pertanto se un donatore non vorrà sottoporsi al test, non sarà obbligato in alcun modo. Con i test sierologici, conosceremo meglio il Covid-19 e riusciremo a sconfiggerlo meglio. Le sedi AVIS di tutto il territorio di Parma e Provincia sono operative per accogliere i donatori. La donazione è completamente sicura presso tutte le sedi AVIS, anche grazie ad un piano di prenotazioni programmate che regola l’accesso dei donatori, allo scopo di garantire distanziamento sociale e precauzione anti corona virus. -

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento