menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Badanti al rientro a Parma dall'estero, Ausl: "Comunicate il vostro arrivo"

Se si rientra da alcuni Paesi il tampone è obbligatorio, insieme all’isolamento di 14 giorni

Tutte le assistenti famigliari (badanti) che rientrano al lavoro a Parma e provincia, se provengono dai Paesi extra Schengen oltre che da Bulgaria e Romania, sono invitate a comunicare al Dipartimento di sanità pubblica dell’Azienda Usl di Parma il proprio rientro in Italia.

E’ questo l’invito dell’Azienda sanitaria alle centinaia di assistenti famigliari che in questi giorni stanno rientrando al lavoro nelle abitazioni di Parma e provincia, dopo un periodo di ferie nel proprio Paese d’origine. Come previsto dai provvedimenti del ministero della Salute e della Regione, tutte queste lavoratrici che dal 13 agosto rientrano in Italia dai Paesi extra Schengen, oltre che da Bulgaria e Romania, hanno l’obbligo di comunicare l’arrivo sul territorio nazionale, stare in autoisolamento fiduciario per 14 giorni, e fare il test del tampone. Per comunicare l’ingresso in Italia, è possibile scrivere un’e-mail al Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Auslquarantena_rientri_covid19@ausl.pr.it oppure tramite registrazione nella piattaforma della Regione Emilia-Romagna all’indirizzohttps://salute.regione.emilia-romagna.it/rientro-estero specificando i motivi del rientro e il Paese dal quale si rientra. E’ anche necessario che venga sottoscritto un “patto di corresponsabilità” tra l’assistente famigliare (badante) e il suo datore di lavoro, da presentare all’Azienda Usl al momento del primo tampone. Il documento riporta gli impegni sottoscritti dalle due parti sul rispetto delle indicazioni sanitarie durante l’isolamento obbligatorio di 14 giorni della badante, rientrata dai Paesi indicati, nell’abitazione della persona assistita. Il modulo per il “patto di corresponsabilità” è da scaricare, stampare, compilare e firmare dal sito dell’Azienda Usl di Parma in www.ausl.pr.it nella sezione “Coronavirus e fase 2/3: tutto quello che c’è da sapere”. Il documento è uno dei punti del percorso di presa in carico delle assistenti famigliari che tornano in Italia dai Paesi indicati. 

IL PERCORSO

Dopo aver ricevuto la comunicazione dell’ingresso in Italia, il personale del Dipartimento di sanità pubblica contatta telefonicamente l’assistente famigliare rientrata e pianifica l’esecuzione del primo  e del secondo  tampone (quest’ultimo al settimo-decimo  giorno o comunque entro la fine del periodo di isolamento); nel corso del contatto telefonico viene effettuata una intervista mirata a valutarel’idoneità dell’alloggio dell’assistente famigliare ai fini di un adeguato isolamento, sarà inoltre effettuato un monitoraggio sanitario dell’assistente familiare che sarà altresì informato dell’esito dei tamponi eseguiti. Al momento della esecuzione del primo tampone il Patto di corresponsabilità tra assistente familiare e datore di lavoro dovrà essere reso disponibile al personale del Dipartimento di sanità pubblica che ne prenderà visione.

L’ALLOGGIO

Nel caso di condivisione dell’alloggio con la persona assistita, al fine di poter  eseguire un corretto isolamento, l’interessato necessita di una stanza ad uso esclusivo con servizio igienico dedicato (quest’ultimo ove possibile). Se il domicilio della persona accudita rispecchia tali caratteristiche, l’assistente famigliare può rimanere in abitazione rispettando tutte le regole legate al protocollo di sicurezza che prevede distanziamento, mascherina, guanti, misurazione della temperatura, igiene della persona, sanificazione degli ambienti domestici ecc.. A queste misure saranno sottoposti tutti i componenti della famiglia presso cui alloggia. Se il domicilio della persona accudita non rispecchiasse  tali caratteristiche le  condizioni dell’alloggio potrebbero essere valutate non idonee dal personale del Dipartimento di Sanità Pubblica e in mancanza di  soluzioni alternative, l’assistente famigliare sarebbe  ospitata in strutture alberghiere convenzionate con l’Ausl, con costi a carico delle competenti Istituzioni.

L’ESITO DEL TAMPONE

In caso di esito negativo del primo tampone, continua comunque l’autoisolamento fino all’esecuzione del secondo tampone. In caso diesito negativo del secondo tampone, l’isolamento continua fino al quattordicesimo giorno e comunque fino alla comunicazione del Dipartimento di Sanità Pubblica di fine sorveglianza, prima di poter rientrare al lavoro. In caso di esito positivo di uno o entrambi i tamponi continua l’autoisolamento  (che non può essere fatto a casa della persona assistita ma in un’altra abitazione) per un periodo di ulteriori 14 giorni dall’ultimo tampone positivo eseguito, fino ad avvenuta negativizzazione testata con due tamponi negativi a distanza di almeno 24 ore.

   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 2 morti e 70 nuovi casi

  • Cronaca

    Allerta meteo, monitoraggio fiume e corsi d'acqua

  • Cronaca

    Parma resta in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento