rotate-mobile
NUOVO QUARTIERE VERDE

Bosco Urbano “Margherita”: un nuovo polmone verde nel quartiere Parma Mia

La piantagione - 140 piante su una superficie di 2.300 mq suddivisa in due aree - rappresenta idealmente l’estensione, a Ovest, del Bosco Urbano “Parma Mia”

Il quartiere Parma Mia si arricchisce di un nuovo polmone verde: è stato infatti inaugurato il Bosco Urbano “Margherita”, che accoglie complessivamente 140 tra piante e arbusti. La superficie interessata, nei pressi di via Martiri delle Foibe, è di 2.300 mq complessivi, con la piantagione estesa su due parti dell’area: la prima è a ridosso di un parcheggio, la seconda adiacente al capolinea della linea urbana 1. Il Bosco “Margherita” sorge a ovest del Bosco Urbano “Parma Mia”: questo perché la sua genesi è legata al Patto di Collaborazione Civica sottoscritto nel 2021 tra il Settore Cittadinanza Attiva, Pari Opportunità e Benessere Animale del Comune di Parma e il Consorzio Forestale KilometroVerdeParma, proprio per la creazione del Bosco Urbano “Parma Mia”. Interamente finanziato dai cittadini, grazie a una campagna di crowdfunding che nel Natale 2020 permise di raccogliere 25.000 euro, il Bosco Urbano “Parma Mia” consta di 1.030 alberi su una superficie di 1,6 ettari ed è stato inaugurato nel marzo 2022. Il Bosco Urbano “Margherita” ne rappresenta l’ideale estensione: fondamentale, per la buona riuscita di questo progetto di forestazione, sono stati il coinvolgimento del Consiglio dei Cittadini Volontari Molinetto e dei residenti del quartiere Parma Mia e l’impegno economico di Conad Centro Nord, che ha coperto i costi dell’intervento. L’iniziativa, infatti, è stata ritenuta coerente con il proprio impegno ambientale dal Gruppo Conad, che ha recentemente lanciato il progetto “Forestiamo insieme l’Italia”: prevista la piantagione di 20.000 alberi, mille in ciascuna Regione italiana, entro il 2023.

All’inaugurazione del Bosco Urbano “Margherita”, il Comune di Parma è stato rappresentato da: Daria Jacopozzi, Assessora alla Partecipazione, all’Associazionismo e ai Quartieri; da Chiara Vernizzi, Assessora alla Rigenerazione Urbana; da Francesco De Vanna, Assessore ai Lavori Pubblici e alla Legalità; e da Michele Alinovi, Presidente del Consiglio Comunale «Inaugurare un nuovo bosco urbano e farlo con tanti ragazzi e ragazze che lo hanno messo a dimora con le loro mani e lo vedranno crescere come frutto anche del loro impegno è per noi una grande gioia: stiamo assistendo alla nascita di un nuovo bene comune - commenta l’Assessora Jacopozzi -. Ringraziamo quindi i docenti delle Scuole Don Cavalli e Maria Luigia che hanno aderito al progetto WeTree di KilometroVerdeParma permettendo al Consorzio Forestale e a noi Comune di Parma, attori del Patto di collaborazione, di realizzare il nostro obiettivo ambientale arricchendolo del valore educativo. Dobbiamo anche sottolineare che senza l’impegno economico di Conad Centro Nord per l’acquisto delle piante tutto ciò sarebbe stato molto più difficile. È un buon esempio di responsabilità sociale di impresa». Felice per il risultato raggiunto è Maria Paola Chiesi, Presidente del Consorzio Forestale KilometroVerdeParma: «La nostra missione è quella di contribuire a valorizzare le aree urbane, creando spazi di socializzazione liberamente fruibili dai cittadini, con effetti sul loro benessere sia fisico che mentale. Credo che il quartiere residenziale Parma Mia, anche grazie ai Boschi Urbani ‘Margherita’ e ‘Parma Mia’, possa considerarsi un laboratorio importante per la città di Parma: poco distante da arterie a grande densità di traffico come la Tangenziale Sud, convivono armonicamente appartamenti, uffici e aree verdi, con piste ciclabili e sentieri per le passeggiate, ideali per i bambini e le loro famiglie. È la Parma che vogliamo, fatta di spazi di grande qualità ambientale, dove vivere e socializzare. A Parma Mia abbiamo dimostrato che contesto urbano e qualità ambientale possono convivere. E che una virtuosa collaborazione tra Istituzioni, cittadini, mondo dell’associazionismo e imprese è non solo possibile ma anche auspicabile».

Maria Paola Chiesi sottolinea anche i tanti benefici legati ai progetti di forestazione promossi nel quartiere Parma Mia? «I Boschi Urbani ‘Margherita’ e ‘Parma Mia’ contribuiranno negli anni a ripulire l’aria dagli agenti inquinanti, al tempo stesso sequestrando attraverso i processi fotosintetici e fissando nella biomassa tonnellate di anidride carbonica. Un altro effetto importante è rappresentato dalla mitigazione delle isole di calore: un tema di grande attualità se pensiamo che, come indicato dai dati forniti dall’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche, i primi sette mesi hanno proiettato il 2022 come l’anno più caldo di sempre, facendo registrare +0,98 gradi sopra la media italiana dal 1800. I Boschi Urbani ‘Margherita’ e ‘Parma Mia’ saranno poi oasi di biodiversità, offrendo un habitat perfetto sia per insetti impollinatori, a partire dalle api, sia per l’avifauna». Ivano Ferrarini, Direttore Generale e Amministratore Delegato di Conad Centro Nord, spiega le motivazioni che hanno spinto la cooperativa, che conta oltre 270 punti vendita e 350 soci, a sposare il progetto promosso dal Consorzio Forestale KilometroVerdeParma, finanziando la messa a dimora di 140 piante nel Bosco Urbano ‘Margherita’. «Piantagione di alberi, efficientamento energetico, riduzione e compensazione di CO 2 sono parte di un più ampio obiettivo a livello strategico di sostenibilità ambientale per Conad Centro Nord» afferma Ferrarini.

«Oggi siamo orgogliosi, come soci di KilometroVerdeParma e come azienda del territorio, di dare un contributo concreto e di qualità alla città di Parma e siamo certi che faremo lo stesso nella costruzione del punto vendita Conad che nascerà qui accanto e che avrà caratteristiche in linea con lo sviluppo sostenibile che ci siamo prefissati». Come anticipato, il Bosco Urbano ‘Margherita’ accoglie 140 piante. Tra gli alberi messi a dimora figurano frassini, farnie, bagolari, platani. Sanguinella e viburno sono invece esempi di alcune delle essenze arbustive presenti. Una scelta dettata anche dal fatto che l’area interessata sia attraversata da alcune linee dell’alta tensione, che impongono limiti alla grandezza delle piante. Un altro dei fattori che hanno orientato la scelta del Consorzio Forestale KilometroVerdeParma è stata la natura autoctona di queste specie, in modo da favorirne l’attecchimento. Per la stessa ragione, la piantagione è stata effettuata nel mese di marzo. Sotto la supervisione di Antonio Mortali, Direttore Tecnico del Consorzio Forestale KilometroVerdeParma, a mettere a dimora le piante sono stati 160 studenti, in rappresentanza di due delle Scuole Secondarie di Primo Grado che hanno partecipato al programma educativo WeTree nel corso dell’Anno Scolastico 2021/22: la Scuola “Don Cavalli”, con sei classi, e il Convitto Nazionale “Maria Luigia”, con una classe.

Nel sottoscrivere il Patto di Collaborazione con il Comune di Parma, il Consorzio Forestale KilometroVerdeParma si è assunto l’impegno, grazie al sostegno economico di Conad Centro Nord, di realizzare gli interventi di manutenzione del Bosco Urbano “Margherita” per i prossimi tre anni e di provvedere all’irrigazione della superficie boscata. In occasione dell’inaugurazione del Bosco Urbano “Margherita”, la biblioteca su due ruote di ParmaKids ha fatto tappa nel quartiere Parma Mia: coerentemente con il sogno di trasformare Parma in una città a misura di bambino, l’Associazione è stata protagonista di letture ad alta voce per i più piccoli. I libri proposti sono stati a tema “green” per trasmettere ai bambini l’importanza di adottare stili di vita compatibili con la transizione ecologica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bosco Urbano “Margherita”: un nuovo polmone verde nel quartiere Parma Mia

ParmaToday è in caricamento