Attualità

Carcere: proteste dei detenuti contro sovraffollamento e ritardi nelle visite mediche

I carcerati in As3 dal 15 luglio organizzano battiture collettive tre volte al giorno con la speranza di far sentire la propria voce al di fuori delle mura

La sezione Alta Sicurezza del carcere di via Burla

Stanno protestando, pacificamente, per chiedere un miglioramento delle condizioni detentive, in particolare per quanto riguarda il sovraffollamento, le condizioni del cibo e i ritardi per le visite mediche. I detenuti della sezione As3 - Alta Sicurezza - del carcere parmigiano di via Burla dal 15 luglio hanno attivato una protesta simbolica. Tre volte al giorno, infatti, organizzano battiture collettive con l'intento di fare uscire la loro voce dalle mura del carcere di massima sicurezza. Si tratta, in tutto, di 5 sezioni che stanno partecipando alle battiture, una forma di protesta pacifica: alle 8, alle 12 e alle 21 i detenuti infatti 'battono' contro le sbarre del penitenziario e chiedono di essere ascoltati. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere: proteste dei detenuti contro sovraffollamento e ritardi nelle visite mediche

ParmaToday è in caricamento