Centro Cardinal Ferrari: ripartite le attività ambulatoriali ed il Day Hospital

Dall’8 giugno, apertura alle visite dei parenti ma nel rispetto delle regole della Direzione Sanitaria

Ripartono al Centro Cardinal Ferrari (Santo Stefano Riabilitazione- Gruppo Kos) di Fontanellato le attività di Day Hospital e le attività ambulatoriali semplici e complesse. L’ospedale riabilitativo di Fontanellato ha riaperto dal 3 giugno al pubblico, dopo la fase 1 emergenziale che ha imposto la chiusura della struttura all’utenza esterna e ai parenti dei degenti.

La riapertura avviene nel pieno rispetto delle normative di sicurezza dettate dalla necessità di prevenzione e controllo del rischio di diffusione del virus Covid-19 e con separazione di spazi e percorsi in modo rigoroso.

Per il Day Hospital l’accesso avviene tramite un triage che prevede: la misurazione della temperatura; la somministrazione di un questionario iniziale con autocertificazione dei fattori rischio anamnestici (a carico del care-giver in caso di necessità); l’uso corretto di mascherina chirurgica fornita ad ogni nuovo accesso; gel idroalcolico per il lavaggio delle mani; l’osservanza delle regole di distanziamento sociale.

Il triage prevede due ingressi: presso la reception del Centro per tutti i soggetti in grado di deambulare e di salire le scale dirette di accesso passando dall’entrata principale; in caso di ridotta mobilità o in carrozzina il triage avverrà presso l’ingresso ambulanze (al lato est del centro) piano - 1.

Per quanto riguarda le visite specialistiche e le prestazioni diagnostiche l’inizio sarà graduale, a partire dalla fisiatria e oculistica.

L’ingresso dei pazienti per visite e trattamenti riabilitativi sarà regolato con un’agenda di prenotazioni che consenta di rispettare il numero di persone contemporaneamente presenti in struttura e i tempi di sanificazione di ogni ambiente dopo ogni accesso.

Per quanto riguarda i famigliari, non è consentito l’accesso nell’area DH-ambulatoriale se non per accordi specifici autorizzati dal medico referente.

Alle visite, sempre su accordo preventivo, può presenziare un solo care-giver, nel caso di paziente minore e/o con ridotte competenze comunicative o cognitive. Il familiare eventualmente autorizzato ad accedere all’interno del Centro dovrà sottoporsi alle misure di controllo tramite triage.

VISITE DEI PARENTI AI DEGENTI, CONSENTITE DALL’8 GIUGNO MA NEL RISPETTO DELLE REGOLE

Gli operatori del Centro Cardinal Ferrari sono perfettamente consapevoli della sofferenza emotiva che la forzosa separazione ha creato in molte persone ricoverate e nei loro parenti e “affetti stabili” e che il coinvolgimento attivo dei familiari sia un elemento fondamentale per ottimizzare l’esito dei progetti riabilitativi.

Da lunedì 8 giugno, ripartiranno quindi le visite dei famigliari ai degenti presso la struttura, ma nel rispetto delle regole indicate dalla direzione sanitaria.

Le visite saranno possibili dal lunedì al venerdì (dalle 14.30 alle 15.30 e dalle 15.30 alle 16.30) con possibilità di incontri di un numero massimo 8 pazienti per giorno, ognuno con un singolo familiare, secondo modalità (alle visite presenzierà un operatore del Centro), sedi (i due portici siti sulla facciata anteriore della struttura in caso di buone condizioni metereologiche; in caso di pioggia saranno adibite postazioni nell’atrio centrale del Cardinal Ferrari); tempi (una durata massima di 1 ora) definiti dalla Direzione. I visitatori dovranno sottostare all’intera procedura di sicurezza prevista per l’ingresso in struttura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le visite potranno essere prenotate telefonando alla segreteria del Centro 0521-820261- 0521 820266.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento