Centro diurno "XXV Aprile": Proges apre procedura di licenziamento per 33 operatori

FP CGIL e CISL FP preoccupati per le sorti della struttura di via Taro e dei lavoratori

Lo scorso 19 agosto la cooperativa Proges ha comunicato alle organizzazioni sindacali di categoria l’intenzione di licenziare 33 tra operatrici e operatori in servizio presso il Centro "XXV Aprile" di via Taro, a far data dal primo gennaio 2020.

Tale decisione è stata presa a seguito di una comunicazione del Comune di Parma che in sede di Comitato di Distretto ha scelto di non volersi più avvalere della possibilità di rinnovare l’accreditamento del servizio Centro Diurno per anziani, e di essere intenzionato a trasformarlo in un Servizio di Spazio Collettivo Anziani, annunciando una revisione complessiva del progetto gestionale dell’immobile e significativi interventi di ristrutturazione, da programmare nel lungo termine.

Il Centro "XXV Aprile" si compone, oltre che di un Centro Diurno anziani con 25 posti accreditati, anche di una Comunità Alloggio con 9 posti per accoglienze residenziali e di 62 Alloggi con Servizi (più un alloggio destinato al servizio di portierato).

Le lavoratrici ed i lavoratori riunitisi in assemblea sindacale insieme a FP CGIL e CISL FP, esprimono una fortissima preoccupazione rispetto alla decisione di Proges di aprire la procedura di licenziamento collettivo di 33 operatrici e operatori, quando l'unica lettera ufficiale del Comune di Parma parla soltanto del Centro diurno e non complessivamente dell'intera struttura.

I sindacati di categoria hanno già inviato la richiesta di incontro alla cooperativa per l’esame congiunto previsto dalla legge, per evitare i licenziamenti del personale ricercando soluzioni alternative di ricollocazione che puntino a mantenere tutti i posti di lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel contempo, anche in considerazione dei riflessi negativi sul "clima" del servizio generati dalla situazione di incertezza e preoccupazione generale, Silvia Sartori della FP CGIL e Elisabetta Oppici, della CISL FP, ritengono opportuno sollecitare il Comune di Parma a rendere chiaro il progetto complessivo (ad esempio: è prevista l'internalizzazione o una gara di appalto..?) e con quali tempistiche sarà attuato, aspetti che potrebbero avere ripercussioni sulle operatrici e gli operatori. Oggi infatti non è dato sapere nulla di tutto ciò, se non il rischio di una consistente perdita occupazionale che danneggerebbe l'intera comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Bonus affitto per famiglie e persone in difficoltà a causa dell'emergenza Covid: contributo fino a 1.500 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento