Cerimonia per il 40esimo anniversario del crollo del Padiglione Cattani

Una cerimonia ufficiale ha ricordato nei pressi della stele e del Bosco del Ricordo i nomi delle vittime dell'implosione dei tre piani del padiglione Cattani avvenuta il 13 novembre di 40 anni fa

Un abbraccio a famigliari, colleghi e amici delle vittime di una delle pagine più tragiche della storia di Parma. Alberi a dimora per guardare avanti. Autorità ed istituzioni per ribadire l'impegno verso la sicurezza e la qualità dei luoghi di cura di Parma.

Una cerimonia ufficiale ha ricordato nei pressi della stele e del Bosco del Ricordo i nomi delle vittime dell'implosione dei tre piani del padiglione Cattani avvenuta il 13 novembre di 40 anni fa. Gabriele Balestrazzi, cronista di quei fatti, ha ricordato una città muta e unita nel dolore. Don Luigi Valentini ha pregato per chi non c'è più a causa di un fatale incidente. Il Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera di Parma, insieme al Prefetto Giuseppe Forlani e al Presidente del Consiglio Comunale Alessandro Tassi Carboni hanno ricordato come "il terribile incidente del Cattani, a cui ha fatto seguito la tragedia dell'elisoccorso Charlie Alfa ha fatto sì che venissero introdotti nuovi e più stringenti protocolli di sicurezza.

Questa cerimonia, questa lapide e questi alberi ci ricordano ogni giorno il nostro impegno a tutela della salute e delle vite dei parmigiani".    A seguito delle orazioni ufficiali sono stati piantumati alberi di frutti antichi autoctoni donati dall’Azienda sperimentale Stuard e dall’Associazione Sodales che, dal 2014, coltiva e cura il Bosco del ricordo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento