rotate-mobile
Attualità

Cibus e Macfrut: 23,5 tonnellate di cibo salvate dallo spreco

Al termine delle due Fiere gli alimenti donati dagli espositori a Banco Alimentare

21 tonnellate di cibo sono state recuperate da Banco Alimentare al termine di Cibus, la Fiera internazionale dell’agroalimentare Made in Italy, che si è svolta a Parma dal 7 al 10 maggio 2024. Per il sesto anno consecutivo è stata rinnovata la partnership tra Banco Alimentare e Fiere di Parma per realizzare l'iniziativa Cibus Food Saving: 227 aziende espositrici hanno scelto di aderire e di donare i propri prodotti. In questo modo, alimenti ancora in perfetto stato sono stati salvati dallo spreco e saranno ridistribuiti alle 728 strutture caritative convenzionate con il Banco Alimentare dell’Emilia Romagna che sostengono 133.000 persone in difficoltà.

“Siamo orgogliosi di aver rinnovato la partnership con Fiere di Parma che ha realizzato la manifestazione Cibus - dichiara Stefano Dalmonte, Presidente del Banco Alimentare Emilia Romagna. Ringraziamo le numerose aziende che hanno scelto di aderire all’iniziativa e ci hanno permesso di recuperare così tante tonnellate di cibo ancora in perfetto stato. Ringraziamo anche tutti i volontari dei magazzini Banco Alimentare di Imola e di Fontevivo, quelli della Fondazione Banco Alimentare Onlus e i giovani che hanno dedicato un pomeriggio a collaborare a questa grande opera di solidarietà”.

Sono stati impegnati nell’iniziativa Cibus Food Saving 60 volontari di Banco Alimentare: le 21 tonnellate di alimenti recuperate sono pari a 44,73 tonnellate di CO2 non emessa e a 42mila pasti donati che verranno distribuiti dalle strutture caritative alle persone bisognose sul territorio.

L’iniziativa di recupero delle eccedenze alimentari è stata realizzata anche al termine di Macfrut, la Fiera di filiera per i professionisti dell’ortofrutta che si è svolta a Rimini dal 7 al 10 maggio 2024. I 30 volontari del Banco Alimentare delle Marche hanno raccolto da 40 aziende espositrici oltre 2,5 tonnellate di prodotti che saranno donati a 30 strutture caritative delle Marche, che assistono oltre 2.000 persone in difficoltà.

“Ringraziamo di cuore l'Ente Fiera di Rimini, le imprese espositrici e i volontari impegnati nel recupero degli alimenti per aver colto questa straordinaria occasione per rinnovare l’impegno di solidarietà e sostegno alle persone più vulnerabili della Regione Marche - afferma Silvana Della Fornace, Presidente del Banco Alimentare delle Marche. Questa è stata anche l’occasione per consolidare i rapporti con le realtà del territorio, al fine di creare partnership di sostenibilità che possano amplificare l'impatto del loro lavoro e promuovere una cultura della solidarietà e della condivisione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cibus e Macfrut: 23,5 tonnellate di cibo salvate dallo spreco

ParmaToday è in caricamento