Attualità

Coldiretti Parma, Cotti riconfermato alla presidenza

"Rinnovo l’impegno a proseguire il lavoro di squadra già avviato con l’obiettivo primario di accrescere la redditività delle nostre aziende agricole"

A conclusione di un percorso iniziato lo scorso mese di marzo con le assemblee di sezione in tutta la Provincia, che ha portato all’elezione dei dirigenti su tutto il territorio in rappresentanza della base sociale, Luca Cotti è stato riconfermato Presidente di Coldiretti Parma per i prossimi cinque anni. Cotti, 57 anni, conduce insieme ai fratelli un’azienda agricola a Pilastro di Langhirano, che produce latte per la trasformazione in Parmigiano Reggiano e pomodoro da industria. La fattoria Cotti è anche un esempio eccellente di fattoria didattica e sociale. Da anni impegnato in agricoltura e socio attivo in Coldiretti, Cotti è anche Presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano sezione di Parma, Vicepresidente Araer e Consigliere del Consorzio Agrario di Parma. Afferma Cotti:

"È per me un onore continuare ad essere al servizio di Coldiretti Parma e ringrazio tutti gli amici soci, vera forza della nostra Organizzazione, per la rinnovata fiducia riposta nella mia persona. Mi impegnerò al massimo nel rappresentare al meglio la nostra agricoltura, continuando ad avere un confronto con le istituzioni, a tutti i livelli, ma anche portando avanti il dialogo con la società civile all’insegna della trasparenza e della difesa dell’autentico “Made in Italy”, quello garantito dai nostri agricoltori. In questi 5 anni potrò contare anche sull’appoggio di tutta la struttura organizzativa di Coldiretti Parma e proseguire il lavoro di squadra già avviato per valorizzare le nostre produzioni locali, rappresentare al meglio i nostri soci e portare avanti con determinazione i progetti di Coldiretti”.

Durante l’assemblea provinciale, condotta dal direttore Marco Orsi, il presidente Cotti ha ripercorso le tappe e i temi più significativi delle battaglie sindacali di Coldiretti, ricordando anche che negli ultimi anni sempre più aziende hanno aderito a Coldiretti, che – ha detto Cotti - hanno scelto la nostra Organizzazione, aumentandone il livello di rappresentatività, grazie alla grande reputazione che Coldiretti si è conquistata all’interno della società e delle istituzioni, e alla qualità dei servizi offerti. Passando ai temi sindacali Cotti si è soffermato sulla battaglia di Coldiretti contro il cibo sintetico: “continuiamo a ribadire il nostro dissenso contro il cibo sintetico –ha sottolineato Cotti - che costituisce un grave pericolo per la nostra filiera agroalimentare. Siamo a favore della ricerca scientifica, ma chiediamo con decisione di applicare il principio di precauzione a tutela di tutti per i grandi rischi potenziali di fronte ad un monopolio di pochi e potenti finanziatori, che può cambiare la vita delle persone e mettere a rischio il nostro sistema alimentare, la salute e l’ambiente. A questo si aggiungono le battaglie condotte per tutelare gli allevamenti, che non possono essere trattati come impianti industriali. Mi piace ricordare, a tal proposito, che grazie all’impegno della nostra Organizzazione abbiamo ottenuto in Europa lo stop alla norma ammazza stalle.” L’assemblea ha inoltre eletto il nuovo Consiglio direttivo composto da: Barbuti Giacomo, Bernardi Giacomo, Bertinelli Nicola, Fontana Giorgio, Lusardi Andrea, Mantelli Francesca, Michiara Marco, Montali Luigi, Rozzi Lorenzo, Saglia Luca, Tarana Chiara, a cui si aggiungono il Presidente Associazione pensionati Giorgio Grenzi, il Delegato Coldiretti Giovani Impresa Ferrarini Davide e la Responsabile Coldiretti Donne Impresa Monia Repetti. Eletti anche il Collegio dei Revisori dei Conti e dei Probiviri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coldiretti Parma, Cotti riconfermato alla presidenza
ParmaToday è in caricamento