Convenzione tra il Pronto Soccorso Veterinario dell'Università e il Polo Integrato degli Animali del Comune

L’Ospedale Veterinario Universitario Didattico (OVUD) fornirà il proprio supporto di assistenza specialistica agli animali

Il Dipartimento di Scienze Medico Veterinarie dell’Università di Parma e il Comune di Parma hanno firmato, nei giorni scorsi, la convenzione relativa all’affidamento di servizio di Pronto Soccorso Veterinario e di supporto specialistico alla gestione sanitaria per gli animali del Polo integrato degli Animali (canile municipale).

Attraverso la convenzione il Dipartimento di Scienze Medico Veterinarie, diretto dal prof. Giacomo Gnudi, rinnova la disponibilità dell’Ateneo ad essere presente, assieme alle Istituzioni del territorio, nell’affrontare le problematiche delle realtà locali fornendo il proprio contributo. In particolare sarà l’Ospedale Veterinario Universitario Didattico (OVUD), diretto dalla Prof.ssa Cecilia Quintavalla, a fornire il proprio supporto di assistenza specialistica agli animali del Polo integrato.

L’Ospedale Veterinario Universitario Didattico (OVUD), è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 13.30; il Servizio Pronto Soccorso (urgenze) è aperto 24 su 24, in Via del Taglio, 10.

L’apertura delle strutture universitarie verso il contesto socio-economico, esercitato mediante la valorizzazione ed il trasferimento delle conoscenze, rientra nelle attività di “Terza Missione” dell’Ateneo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, l'appello choc di una 26enne: "In 40 metri quadri in 6 con 4 figli: non abbiamo i soldi per fare la spesa"

  • "Chi non è residente deve lasciare l'abitazione": a Parma la truffa del falso avviso del Ministero dell'Interno

Torna su
ParmaToday è in caricamento