Coronavirus, lo studio: "Nella fase 2 c'è il rischio della seconda ondata"

In base un modello cinese la fine dell'epidemia di Covid-19 nel nostro Paese potrebbe arrivare intorno "al 6 agosto"

In base un modello cinese la fine dell'epidemia di Covid-19 nel nostro Paese potrebbe arrivare intorno "al 6 agosto". Lo studio evidenzia come in base ai dati l'allentamento delle misure in Italia "sia arrivato troppo presto": il rischio è che il nostro Paese si trovi ad affrontare "una seconda ondata di casi" di Covid-19.

Ad arrivare a queste conclusioni è stato un team di ricercatori e scienziati diretto da Wangping Jia del Chinese Pla (People's Liberation Army) General Hospital di Pechino. Come è stato portato avanti lo studio? In pratica hanno messo a confronto i dati "ufficiali" dell'epidemia da nuovo coronavirus nella provincia cinese di Hunan (il cui capoluogo è la metropoli di Changsha) e l'Italia: l'articolo scientifico è stato pubblicato su 'Frontiers in Medicine'.  Lo studio aveva come obiettivo quello di capire perché in Italia contagi e morti per Covid-19 sono stati così più numerosi rispetto alla provincia di Hunan, e non aveva come obiettivo indicare una data di fine epidemia.

Per gli studiosi cinesi un intervento governativo "tempestivo e rigoroso" è un fattore chiave nel ridurre i contagi di coronavirus. "Pensiamo che sia troppo presto per allentare le restrizioni a partire dal 4 maggio", ha detto Jia. "La potenziale seconda ondata potrebbe arrivare se le restrizioni venissero allentate tre mesi prima" di agosto. "L'Italia non è alla fine del periodo dell'epidemia di Covid-19", sottolineava lo scienziato qualche giorno fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

Torna su
ParmaToday è in caricamento