Coronavirus, Piccole Figlie incrementa a 25 i posti letto: dimessi due 75enni

Sono stati dimessi i primi due pazienti, un uomo e una donna, stabilizzati e in grado di tornare al domicilio

Aumentano a 25 i posti letto riservati ai pazienti Covid-19 all’ospedale Piccole Figlie. Ieri erano 22 in totale i malati accolti, altri sono attesi oggi e domani. Ieri sera dal Piccole Figlie Hospital sono stati dimessi i primi due pazienti stabilizzati e in grado di tornare al domicilio per completare il percorso di guarigione dal coronavirus. Sono una donna di 75 anni e un uomo di 74 anni tornati a casa dai loro cari.

“È un bel segnale dimettere – spiega Giorgio Bordin, direttore sanitario di Piccole Figlie Hospital – possiamo farlo solo se ci sono due condizioni: innanzitutto il paziente dev’essere stabile con una buona saturazione dell’ossigeno nel sangue ma, ancor più importante, a casa ci devono essere le condizioni per un isolamento fiduciario: una camera e un bagno esclusivi, e un’assistenza fornita alla giusta distanza dai familiari o caregiver. Perché sono persone ancora contagiose e per la guarigione completa, da accertare con doppio tampone negativo, occorre tempo. In assenza di questa condizione al domicilio, il paziente rimane qui in ospedale fino a che sarà dichiarato guarito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Firmato il Dpcm, coprifuoco e spostamenti: cosa cambia per i parmigiani

Torna su
ParmaToday è in caricamento