Fase 2: ecco le attività che potrebbero riaprire prima del previsto

Il premier Conte ha citato "centri estetici, parrucchieri, ma anche teatri"

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte in un'intervista al 'Fatto Quotidiano' ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla possibilità di riaprire, prima del previsto, alcune attività. "Siccome ora ci sono soglie definite di allarme - ha affermato il premier -, siamo in condizione di studiare un'eventuale anticipazione delle aperture per ulteriori attività con differenziazioni geografiche".

Le tappe delineate finora dall'esecutivo sono le seguenti: il 18 maggio potranno rialzare le serrande i negozi al dettaglio (abbigliamento, oggettistica ed altri), il 1° giugno sarà la volta di bar, ristoranti e le attività di cura dalla persona. Ma se la situazione epidemiologica dovesse consentirlo, non è escluso che qualche regione possa anticipare i tempi. 

Tra le attività che potrebbero riaprire prima Conte ha citato "centri estetici, parrucchieri, ma anche teatri". Bisognerà però definire un "protocollo di sicurezza per spazi, ambienti e attività". Il premier ha aggiunto di non aspettarsi un aumento particolare dei casi di Covid "perché ormai si è diffusa fra i cittadini un’educazione generale alla convivenza col virus". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento