Coronavirus, Venturi choc: "Non si può chiudere un intero paese quando non ce n'è alcun bisogno"

L'ex commissario all'emergenza: ""Se dovessi rifare un lockdown domani, non lo rifarei come l'abbiamo fatto"

L'ex commissario ad acta Sergio Venturi, durante una diretta Facebook organizzata dai Giovani democratici, ha rilasciato alcune dichiarazioni che hanno suscitato scalpore. "Se dovessi rifare un lockdown domani, non lo rifarei come l'abbiamo fatto. Non si può chiudere un intero paese quando non ce n'è alcun bisogno". La traduzione è che - col senno di poi -  "sarebbero stati necessari blocchi mirati in alcuni focolai particolarmente aggressivi: conviene intervenire nel piccolo, questa è la lezione che abbiamo imparato quest'inverno". "Non ha senso la zona rossa dell'Italia. In alcune regioni- ha continuato - abbiamo avuto solo qualche centinaio di casi, poteva avere senso impedire gli spostamenti da regioni molto 'impestate' alle altre, ma disturbare il regolare interscambio tra le regioni del sud mi è sembrato un po' eccessivo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

Torna su
ParmaToday è in caricamento