Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

Covid: sospesi 18 operatori sanitari che rifiutano il vaccino

Dopo i solleciti e le lettere di richiamo scattano i provvedimenti per i lavoratori

Dopo le lettere di richiamo e i solleciti sono arrivate le sospensioni dal serivizio. In totale 18 operatori sanitari di Parma e provincia sono stati raggiunti dagli avvisi per lo stop alla loro attività lavorativa. Tra i professionisti che non potranno più operare o che sono stati affidati a mansioni che non prevedono contatti con il pubblico - come previsto dal Decreto del Governo - ci sono anche psicologi e farmacisti, che lavorano all'interno delle strutture sanitarie pubbliche e private.

Come sta avvenendo in altre città, per esempio Modena, iniziano ad essere applicate concretamente le regole relative all'obbligo di vaccinazione dei lavoratori della sanità. Secondo la legge infatti per chi rifiuta la vaccinazione è prevista la sospensione dal servizio o lo spostamento ad una mansione che non preveda il contatto diretto con il pubblico. Questa ultima opzione è stata pensata proprio per azzerare il rischio di contagio dall'operatore non vaccinato al paziente. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid: sospesi 18 operatori sanitari che rifiutano il vaccino

ParmaToday è in caricamento