rotate-mobile
Attualità

“Crediti di Sostenibilità”: consegnati gli attestati alle aziende sostenitrici

La cerimonia si è svolta a Parma nell’ambito del convegno “Il ruolo, la valorizzazione e il pagamento dei servizi ecosistemici”

Sono stati consegnati a Parma dal direttore del Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano Giuseppe Vignali gli attestati con i quali assegna i Crediti di Sostenibilità alle 30 aziende che nel 2023 hanno scelto di sostenere l’innovativo progetto nato appena due anni fa: sono più che raddoppiate rispetto allo scorso anno. La cerimonia di consegna degli attestati è avvenuta nel corso del convegno “Il ruolo, la valorizzazione e il pagamento dei servizi ecosistemici” promosso da AsviS in collaborazione con il Parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano e la Regione Emilia Romagna. “Sono diverse le ragioni per cui le aziende acquistano i Crediti di Sostenibilità – ha spiegato il presidente Fausto Giovannelli, presidente del Parco nazionale - : c’è chi lo fa per incrementare la competitività nelle gare pubbliche e per rispondere ai Criteri Ambientali Minimi; chi, come in ambito culturale, per mitigare le emissioni e per offrire un valore aggiunto ai servizi offerti. Ma anche imprese con sede nei territori dove sono localizzate le foreste per accrescere le ricadute positive della propria attività sulla comunità locale. Tutte sono comunque accumunate da un forte senso di responsabilità sociale e dall’aver avviato strategie di miglioramento delle proprie performance ambientali e climatiche”. “Si tratta di un progetto ambizioso – ha commentato l’Assessora alla Programmazione territoriale, politiche forestali e servizi ecosistemici della Regione Emilia-Romagna Barbara Lori - in linea con il Patto per il lavoro ed il clima. Boschi e delle foreste, che coprono oltre il 30% del territorio regionale, possono così essere gestiti in maniera consapevole. Quindi diffondere di buone pratiche per incrementare gli assorbimenti di anidride carbonica nella filiera foresta-legno, ma anche dare un contributo al miglioramento della qualità dell’ambiente e ad attivare cicli virtuosi”.

Le aziende sostenitrici
Dalle 12 aziende del 2022, nel 2023 le aziende sostenitrici sono passate a 30, per un totale di 3.619 Crediti di Sostenibilità già acquistati. Un ottimo inizio, essendo passati solo due mesi del completamento dell’iter di quantificazione dei servizi ecosistemici addizionali generati dalle foreste della Riserva della Biosfera Appennino tosco emiliano certificate PEFC ed FSC per la gestione forestale sostenibile e responsabile.
Oltre alla Facility Service Company Copma di Ferrara, che ha sostenuto il progetto Crediti di Sostenibilità fin dalla sua fase di ideazione, anche quest’anno rinnovano l’acquisto 9 realtà: l’azienda che distribuisce GPL e carburanti per riscaldamento e autotrazione Beyfin, che ha acquistato per due anni consecutivi il quantitativo più ingente di Crediti di Sostenibilità (975), insieme ad Ambiente Lavoro Salute, Canossa Events, Fondazione Palazzo Magnani, L’Operosa, PedersoliGattai, Punto 3, Trasporti Integrati e Logistica. Quest’anno si sono, finora, aggiunte, 20 organizzazioni operanti in tutti i settori di attività, la Cooperativa Arbizzi, Studio Arlotti Comunicazionew, Attolini Spaggiari Zuliani & Associati, BCC Felsinea, le aziende della ristorazione collettiva Cirfood e Serenissima, Coopservice, È COSÌ, Esclamativa, Federazione Italiana Rugby, Fornovo Gas, I.C.E.FOR., la Cooperativa L’Ovile, l’agenzia di eventi Louder Italia, Olians Plast, la società di consulenza TAUW Italia, Techfem, Tedaldi Costruzioni, Vimi Fasteners, Webranking. Le associazioni di categoria Confcooperative Terre d’Emilia e a Unindustria Reggio Emilia, con cui il Parco nazionale ha sottoscritto protocolli di intesa per sostenere la promozione del progetto Crediti di Sostenibilità, hanno sensibilizzato i propri associati verso l’importanza di dotarsi di strategie di sostenibilità e climatiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Crediti di Sostenibilità”: consegnati gli attestati alle aziende sostenitrici

ParmaToday è in caricamento