Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Attualità

Cyberbullismo: la polizia incontra i giovani dell’Istituto di formazione di Forma Futuro e dell’IISS di Fidenza

Sono stati approfonditi argomenti quali, l’uso dei social media e dei social network e delle conseguenze giuridiche 

Nell’ambito degli incontri in materia di educazione alla legalità promossi dalla Polizia di Stato, il Vice Questore Aggiunto Omar Elian, il Commissario Capo Federico Mastorci, da una parte e il Commissario Capo Pasquale Cusano e il Sovrintendente Marco Vezzosi, dall’altra, hanno incontrato centinaia di giovani studenti. I primi due dirigenti della Questura di Parma, il dirigente dell’Ufficio Immigrazione e il dirigente delle Volanti, hanno incontrato i giovani studenti, tra i 16 e i 18 anni, di Forma Futuro, parlando con loro dei rischi connessi all’uso dei nuovi device digitali e della rete. 

Ma non solo, sono stati approfonditi argomenti quali, l’uso dei social media e dei social network e delle conseguenze giuridiche rispetto a condotte considerate troppo spesso senza alcuna benché minima conseguenza. Le altre tematiche, molto attuali, hanno riguardato i rischi collegati a comportamenti relazionali errati che possono portare ad azioni di bullismo e di cyberbullismo. Il dirigente dell’Ufficio immigrazione, invece, ha approfondito le tematiche di competenza, dando informazioni generali circa il fenomeno dell’immigrazione e i risvolti sul piano della regolare presenza sul territorio nazionale a seguito della commissione di
reati.

Nella stessa giornata, il Comm. Capo Pasquale Cusano e il Sovrintendente Marco Vezzosi, tenuto conto che quest’ultimo esprime la specialità della Polizia Postale sul territorio di Parma, hanno affrontato diversi argomenti su fenomeni criminali gravi, che avvengono mediante l’uso della rete. Quest’incontro si è tenuto presso L’IISS (Istituto di Istruzione Superiore A. Berenini) di Fidenza, con ragazzi tra i 14 e i 15 anni. Peraltro, l’incontro tenuto dalla Polizia Postale è il decimo che viene tenuto da questa importante specialità della Polizia di Stato, che tra i vari incontri è già stata a Medesano, oltre che a Parma, in considerazione del fatto che anche le scuole della Provincia sono molto interessate a incontri di questo tipo. In particolare hanno parlato di cyberbullismo, sexting, Sex Extortion e consigliato come utilizzare in maniera corretta il web e gli strumenti tecnologici connessi alla rete. I ragazzi, sono stati informati, anche attraverso esempi, sulla gravità delle conseguenze che possono subire le vittime e le ripercussioni nella sfera giuridica dell’autore e dei suoi familiari. Sono state illustrate delle semplici, ma efficaci, regole di comportamento sia per la convivenza nella vita reale sia per ridurre i rischi collegati alla vita digitale. L’incontro ha permesso di riflettere sul ruolo svolto dalleIstituzioni, dalla Scuola e da ogni persona nell’azioni di contrasto al bullo o al cyberbullo.

Riscontrando da parte dei ragazzi una grande partecipazione ed un notevole interesse sul tema, gli esperti della Polizia di Stato hanno messo in guardia i giovanissimi anche su un altro tema, anch’esso oggetto dell’incontro, che è il rischio proveniente dai giochi online. Il personale della Polizia di Stato proseguirà nell’iniziativa, che ha avuto molto successo, già nel mese di aprile, presso altri istituti scolastici di Parma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cyberbullismo: la polizia incontra i giovani dell’Istituto di formazione di Forma Futuro e dell’IISS di Fidenza

ParmaToday è in caricamento