Dal campo alla terapia intensiva: i medici delle Zebre Rugby sempre in prima linea

Mentre infatti gli atleti della franchigia federale proseguono la loro attività fisica a casa, i medici del club di base a Parma si trovano impegnati sui vari fronti degli ospedali italiani per contrastare il coronavirus

La squadra delle Zebre Rugby non si ferma! Mentre infatti gli atleti della franchigia federale proseguono la loro attività fisica e di studio delle partite a casa, i medici del club di base a Parma si trovano impegnati sui vari fronti degli ospedali italiani, a sostegno degli innumerevoli pazienti affetti dal nuovo Coronavirus.

Dal campo da rugby ai reparti di terapia intensiva non cambia la dedizione e la professionalità con cui i medici della squadra multicolor prestano assistenza a chi ne ha bisogno, affrontando senza timore il rischio di contrarre il contagio.

Ma andiamo a conoscere meglio i professionisti del personale medico delle Zebre coinvolti in questa dura lotta di contenimento della pandemia da Covid-19:

Con la sospensione a tempo indeterminato della stagione 2019/20 del Guinness PRO14, il responsabile medico della franchigia federale Rocco Ferrari si è messo a disposizione come volontario per la Casa di Cura “Città di Parma”, partner sanitario del club.

I dott. Paolo Ferrari e Ilaria Spartà sono coinvolti nelle loro rispettive città come medici di base, individuando i nuovi casi positivi ed offrendo assistenza sanitaria alle famiglie della propria comunità.

Il dott. Rocco Rollo è impegnato nei corridoi dell’Ospedale di Vaio a Fidenza, la seconda città più popolosa nella provincia di Parma.

Prestano invece il loro servizio all’Ospedale Maggiore di Parma i dott. Davide Calzi e Federico Cioni, medico nutrizionista del XV di coach Bradley.

Buone notizie anche al di là delle Alpi, con i dott. Cecilia Craviari e Matteo Bazzoli in buona salute e a lavoro all’ospedale della loro Ginevra in Svizzera.

A loro e a tutti i medici, gli infermieri e gli operatori sanitari italiani va un caloroso ringraziamento da parte di tutto lo Zebre Rugby Club per la preziosa attività svolta quotidianamente!

Come su un campo da rugby il coraggio e la fiducia nei compagni permette di fronteggiare qualsiasi avversario, queste persone si stanno dimostrando un vero esempio per tutti noi.

Per questo motivo, le Zebre sostengono l’ospedale di Parma, città che dal 2012 è sede della franchigia federale, ospitando squadre e tifosi delle più prestigiosi formazioni d’Europa e Sudafrica.

E’ infatti attiva la raccolta fondi promossa da Comune di Parma, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma ed Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma ed organizzata da Munus, la Fondazione di Comunità di Parma che ha come scopo quello di promuovere la cultura della solidarietà nel territorio parmense.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento