Attualità

Donna e caregiver, tra riconoscimento sociale e tutela giuridica

Esperti a confronto alla video conferenza aperta a tutti organizzata da AUSL e Università di Parma, il 18 giugno su YouTube

Con l’obiettivo di riflettere  sul ruolo del caregiver, in particolare nella sua declinazione al femminile e riconoscerne non solo il valore sociale, ma anche la tutela giuridica, l’Azienda USL di Parma in collaborazione con il Centro Interdipartimentale di Ricerca Sociale dell’Università organizza venerdì 18 giugno il convegno on line “Caregiver: femminile plurale”.

In Italia, le donne si fanno carico del 74% del totale delle ore di lavoro non retribuito per  assistenza  e cura e sono al primo posto nell’Unione Europea per quantità di tempo dedicato nel lavoro di caregiver con una media di 5 ore al giorno, contro l’ora e 48 minuti degli uomini (fonte dati Organizzazione Internazionale del Lavoro). Un impegno - quello di assistenza e cura - che talora si somma al tempo impiegato per svolgere il lavoro retribuito. Per non parlare degli effetti prodotti dallo smart working, che si è sovrapposto agli impieghi domestici e di cura, senza più la possibilità di una separazione spaziale degli stessi. E ancora: le ripercussioni di  tale situazione sulla salute delle donne, che vedono un elevato rischio di malattia a causa dell’eccessivo carico di lavoro e del forte stress a cui sono sottoposte.

Ed è da questi numeri e dall’incontro quotidiano degli operatori sanitari e sociali con le donne che vivono l’esperienza di caregiver che è nata l’idea di organizzare l’evento.

A partire dalle 15, dopo i saluti di apertura di Anahi Alzapiedi, Direttore delle Attività socio-sanitarie dell’AUSL di Parma, Andrea Ciarini dell’Università La Sapienza di Roma illustra le principali riforme delle politiche sociali a sostegno del caregiver avvenute in alcuni paesi dell’Europa e la situazione italiana. A seguire,  l’avvocato Laura Andrao del Foro di Reggio Emilia  espone le proposte legislative in discussione al Parlamento su temi quali la tutela previdenziale, contributi figurativi, pensionamento anticipato, malattie professionali, infortuni dei caregivers. Ampio spazio è dedicato al confronto e dibattito, grazie anche alla partecipazione di operatori dei servizi e di caregiver, che porteranno la loro esperienza. Modera l’incontro  Chiara Scivoletto  sociologa e direttrice del Centro Interdipartimentale di ricerca sociale  dell’Università di Parma. La chiusura dei lavori è affidata ad Emanuela Sani  della  Direzione delle Attività socio-sanitarie dell’AUSL.

L’evento gratuito è aperto a tutta la cittadinanza, che è invitata a seguire i lavori  sul Canale YouTube dell’AUSL: https://youtu.be/P40aDIPs9oA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna e caregiver, tra riconoscimento sociale e tutela giuridica

ParmaToday è in caricamento