rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Attualità

Il dramma di Nadia: "Vive in strada con il suo bimbo di 10 mesi"

La protesta della Rete Diritti in Casa davanti al polo dei servizi sociali di via Bocchi: "Abbiamo chiesto un incontro per trovare almeno un letto in un dormitorio ma non siamo stati ascoltati"

"Nadia, una cittadina italiana, è costretta a vivere in strada con il suo bimbo di soli 10 mesi. Era ospite di un'amica ma ha dovuto poi lasciare l'appartamento, per il ritorno della sorella". La Rete Diritti in Casa ha promosso una protesta davanti alla sede dei servizi sociali del polo Pablo Golese San Pancrazio di via Bocchi a Parma, proprio per chiedere una soluzione abitativa di emergenza per Nadia e il suo figlio piccolo. Dopo lo sfratto Nadia si è ritrovata in una situazione molto complicata ed ora non ha possibilità di accedere a nessuna abitazione, nemmeno temporanea. 

"Anche i servizi sociali, ormai, sono in trincea senza armi - ha sottolineato Katia Torri della Rete Diritti in Casa - mancano i fondi per sostenergli e consentirgli di lavorare. I soldi per le armi vere, invece, si trovano subito. Ormai anche a Parma ci sono famiglie con bambini in strada: questa situazione non è tollerabile. Nadia e suo figlio sono stati ospitati anche dai componenti dell'associazione e da alcuni suoi amici. Ora chiediamo che il Comune trovi una soluzione per lei". 

"Siamo venuti davanti ai servizi sociali - riferisce Francesco Bufano dell'associazione che si occupa di emergenza abitativa - per chiedere un letto e un dormitorio per Nadia e suo figlio di 10 mesi. Rimbalziamo la questione al Comune sperando che trovino una soluzione ad una situazione gravissima. Non ci fermiano qui: ci faremo sentire ancora durante questa settimana. Una situazione del genere non è ammissibile. Il 19 aprile verrà chiuso il dormitorio del Cornocchio e ci saranno altre persone che si troveranno per strada. Ci chiediamo se in una città che vorrebbe essere una delle migliori in Italia per la qualità della vita, sia ragionevole una situazione di questa gravità". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il dramma di Nadia: "Vive in strada con il suo bimbo di 10 mesi"

ParmaToday è in caricamento