rotate-mobile
Attualità

Due donne investite in 48 ore, un decesso e una gravissima. I residenti: "Auto sfrecciano a forte velocità, vogliamo le zone 30"

Le voci dei cittadini che vivono in via Emilia Est e in via Venezia dopo gli incidenti del 3 e del 5 marzo

"Le auto a volte passano a velocità elevate e sono un pericolo per i pedoni ed i ciclisti. Chiediamo che vengano istituite anche qui le zone 30 e soprattutto che ci siano controlli e i limiti vengano fatti rispettare". E' un grido univoco quello dei residenti delle zone in cui sono avvenuti i due gravissimi incidenti stradali degli ultimi due giorni, via Venezia e via Emilia Est a Parma. 

Il 5 marzo una donna di 69 anni, che era con la nipotina di 7 anni, è stata travolta da uno scooter in via Venezia e si trova attualmente ricoverata in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione mentre la sera di domenica 3 marzo una donna di 76 anni. Chiara Bonfanti, è stata investita e uccisa in via Emilia Est da un Suv. 

Dopo i due gravissimi episodi abbiamo chiesto ad alcuni residenti delle due zone cosa ne pensano della velocità dei veicoli in queste due strade della città e in particolare delle zone 30. "Penso che questa situazione vada avanti da troppo tempo. Qui in via Emilia Est le auto sfrecciano a forte velocità e non si può fare niente. Ogni giorno può succedere quello che è successo come domenica sera: i pedoni rischiano di essere investiti a causa della forte velocità dei veicoli e a volte della scarsa visibilità in alcuni punti. Dovreste venire sul posto a vedere la sera quanti situazioni a rischio si verificano. Quel tratto di strada rettilineo consente agli automobilisti di prendere velocità e alcuni vanno molto forte. Il pericolo è dietro l'angolo" 

La polizia locale sul luogo dell'investimento della 76enne, deceduta in ospedale

Anche in via Venezia i residenti con cui abbiamo parlato, a passeggio a piedi o in bicicletta sono concordi: "Servono le zone 30 ma che non siano di facciata. Serve anche chi faccia rispettare i limiti di velocità. Oggi non vengono assolutamente rispettati. Ormai è abitudine: alcuni automobilisti approfittano di una parte di rettilineo in via Venezia per aumentare la velocità e non si curano di chi passa, che sia a piedi o in bicicletta. Questo è il problema, oltre a quello della scarsa illuminazione e della scarsa visibilità in alcuni punti". 

Cinque chilometri di zone 30 in città: la mappa 

Nel maggio del 2023 il Comune di Parma ha istituito una nuova zona con limite di velocità dei 30 chilometri orari nell’area compresa all’interno dei viali di circonvallazione e nello specifico: Strade comprese all’interno dell’area delimitata da piazzale Santa Croce, viale Pasini, viale Piacenza, viale Bottego, viale Mentana, piazzalee Vittorio Emanuele II, viale S. Michele, Stradone Martiri della Libertà, viale Berenini, viale Caprera, piazzale Barbieri e viale Vittoria. L'assessore all'Ambiente Gianluca Borghi ha già annunciato di voler estendere le zone 30 ad altre aree residenziali per altri 8 chilometri quadrati e passare quindi - entro il 2024 - dagli attuali cinque a tredici chilometri quadrati con il limite più restrittivo. 

La nuova zona 30 a Parma-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due donne investite in 48 ore, un decesso e una gravissima. I residenti: "Auto sfrecciano a forte velocità, vogliamo le zone 30"

ParmaToday è in caricamento