E’ Rural una delle due realtà italiane premiate dal GIST “Travel Food Award”

Un premio che conferma l’impegno di Rural per la tutela di un passato non troppo lontano

In occasione del TTG Incontri, evento internazionale del settore turistico che si è svolto nei giorni scorsi alla Fiera di Rimini, venerdì 12 ottobre si è tenuta la prima edizione del GIST “Travel Food Award”, premio istituito per mettere in luce eccellenze del turismo gastronomico. Quattro in totale i premi: due per l’Italia e due per l’estero nelle due categorie Brand e Territorio/Evento (Istituzione Pubblica o Privata). Tra gli italiani premiati anche il progetto “Rural, biodiversità agricola” con il Rural Festival per la sezione Istituzione Italia.

“Il turismo nella declinazione enogastronomica è un fenomeno di tendenza assoluta – ha sottolineato Sabrina Talarico, presidente del GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica) nel suo discorso di apertura -:  tutte le statistiche confermano che il turismo dell’oggi e del futuro è quello attento e sostenibile, che valorizza il patrimonio dei territori e quindi anche l’enogastronomia, oltre all’arte e alla cultura. Sicuramente tutti quei progetti che integrano l’offerta turistica con quella gastronomica, hanno una buona prospettiva di attrarre turisti sul territorio”. Questi i requisiti delle candidature: legame con le specificità gastronomico-culturali, con la tradizione del territorio, originalità nel promuovere la destinazione,  coinvolgimento della comunità locale,  rispetto dell'ambiente e dei lavoratori nella realizzazione del progetto,  sostenibilità economica del progetto e strategia di  comunicazione.

“Tante le adesioni arrivate da 11 regioni italiane e da 9 paesi stranieri, che coprono tre continenti su cinque – ha poi precisato il “gastronomade” Vittorio Castellani (alias chef Kumalè), presidente del premio -: la qualità ha contraddistinto diverse realtà candidate. Abbiamo voluto premiare progetti che dimostrano che la sfida del futuro va in questa direzione.”

Insieme a Castellani, una giuria di giornalisti specializzati nel settore del turismo enogastronomico che hanno creduto in questo progetto importante e concreto, volto alla valorizzazione e alla salvaguardia della biodiversita' agricola di Emilia Romagna, Toscana e Liguria, rappresentata da agricoltori custodi di antiche razze animali e rare varieta' vegetali da decenni dimenticate e quasi estinte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un premio che conferma l’impegno di Rural per la tutela di un passato non troppo lontano e che, insieme agli altri progetti premiati, potrà essere d’ispirazione per lo sviluppo di un turismo gastronomico-culturale più sostenibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

Torna su
ParmaToday è in caricamento