Ecco come sostenere l'Ospedale Di Vaio: il Comune invita i cittadini a donare

Fidenza entra tra i promotori della raccolta ufficiale della sanità pubblica locale: per l'ospedale Di Vaio Ausl chiede un casco per ventilazione, filtri e materiali per chi va in intensiva

Così come i tre Ospedali di Vaio, Parma e Borgotaro sono il nostro scudo contro l’assalto del coronavirus, anche noi dobbiamo lavorare coordinati e uniti. Proprio come fanno medici, infermieri e volontari di queste strutture. Per questo il Comune di Fidenza da oggi è diventato partner della raccolta fondi ufficiale della sanità pubblica insieme ad Azienda Usl, Azienda Ospedaliero-Universitaria, Fondazione Munus, Comune di Parma, Provincia, Ascom, Apla, Cna, Upi, Confesercenti e Gazzetta di Parma.

COMPRIAMO I MATERIALI CHIESTI DA AUSL
“Ecco: quando diciamo che lottiamo insieme agli eroi dell’Ospedale di Vaio non diamo aria alla bocca. Medici, volontari, infermieri sono la nostra spada e il nostro scudo, come ho già detto, e ognuno di noi può regalare loro un aiuto enorme – commenta il Sindaco Andrea Massari –. Prima di tutto decidendo di #STAREINCASA. E da oggi sostenendo questa raccolta fondi, che servirà per comprare anche attrezzature per il nostro ospedale”.

Quali? Filtri antibatterici/antivirali per ventilazioni ad alto flusso, un casco per ventilazione non invasiva essenziale per trattare l’insufficienza respiratoria dei pazienti, accessori per generare una miscela di aria e ossigeno, custom pack per ventilazione non invasiva, tubi per portare l’ossigeno nelle maschere dei pazienti, valvole regolabili, circuiti di tubi e raccordi respiratori. Letti ospedalieri attrezzati. Tanti materiali e non solo questi.

“Si tratta di materiale tecnico indicato da Ausl, che avevamo contattato per avere la certezza di acquistare solo quello che serve davvero ai medici che sono in prima linea e ai loro pazienti. Doniamo, facciamolo col cuore – prosegue il Sindaco –. Questo è lo spirito di Fidenza Solidale in grado di unire tutti, proprio come facemmo con il terremoto nel Centro Italia”.

SI PUO’ CONTRIBUIRE ON-LINE
Basta cliccare direttamente sul link
https://www.fondazionemunus.it/fondi/fondo-emergenza-coronavirus/

SI PUO’ FARE UN BONIFICO
Si può effettuare un bonifico qui:
IBAN IT61B 06230 12700 000038169579
presso Crédit Agricole Italia - sede di Parma
intestato a MUNUS - Fondazione di Comunità di Parma - Onlus.
Causale: “supporto all’emergenza per il contrasto del coronavirus”

UN BUON MODO PER ESSERE UTILI A VAIO
L’importo raccolto con le donazioni verrà impiegato per acquistare quanto occorre ad Ausl e Azienda
Ospedaliero-Universitaria sulla base delle loro richieste e a tale scopo ci sarà un Comitato di
Garanzia di cui il Comune di Fidenza farà parte insieme a tutti i promotori.

LE ALTRE RACCOLTE CHE SEGNALIAMO
Ci sono altre quattro le raccolte fondi partite on-line, che segnaliamo per serietà e importanza.
Sono le raccolte a favore di:
 Cri Fidenza (per l’acquisto dispositivi di protezione per gli operatori, materiale per sanificare i
mezzi del soccorso e per fare adeguamento e manutenzione di ambulanze e automedica).
Clicca qui per donare: https://bit.ly/2Q6ZHnN
 Pubblica Assistenza Fidenza(per potenziare l’organico con ulteriore personale dipendente,
per Acquistare dispositivi di protezione per gli operatori). Clicca qui per donare:
https://bit.ly/2wMgoOJ
 La raccolta regionale per la Protezione Civile: si può fare un versamento sul conto corrente
della Protezione civile regionale. Iban: IT69G0200802435000104428964. Causale: Insieme si
può: l'Emilia-Romagna contro il Coronavirus

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

Torna su
ParmaToday è in caricamento