Attualità

"Eliminati gli stalli di sosta per i motorini in borgo San Vitale: multe a raffica"

La protesta del comitato Parma in Centro

"Facendo seguito alle ingenti lamentele ricevute -si legge in una nota del comitato Parma in Centro- dai residenti e cittadini che frequentano e lavorano in centro storico, per la destituzione di vari stalli di sosta per scooter in borgo San Vitale, e a seguito dalla raffica di sanzioni date ai motorini, nonostante le righe ancora presenti siano visibili, con la presente siamo a prendere una dura posizione contro gli attuali amministratori: Il PUMS (Piano Urbano di Mobilità Sostenibile) ha il compito, è vero, di introdurre la mobilità sostenibile ma che in ogni caso debba andare incontro, dato che prevede un’ampia partecipazione e condivisione, ai portatori di interesse, come cittadini e commercianti, soprattutto deve prevedere un’attuazione a Step (fasi), con sperimentazioni: 1. non bisogna effettuare le multe giusto per far cassa; 2. bisogna dare il tempo per organizzare e gestire tale cambiamento; 3. bisogna dare una scadenza adeguata della sperimentazione, e alla fine di tale fase ridiscuterne con gli stessi portatori di interesse (cittadini e commercianti);

All’opposto quest’amministrazione sempre per far si che Parma sia solo una cartolina all'esterno e non fruibile da chi ci vive, ha la necessità e volontà di portare a casa dei soldi, ma siamo anche uno dei Comuni che tassa di più i propri cittadini, e fa totalmente contrario cioè applica una politica di mobilità contro i portatori di interessi, non applica nessuna sperimentazione e dalla mattina alla sera fa imboscate per dare le multe ingiustamente, e pertanto un tipo di scelta solo dannosa per i cittadini". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Eliminati gli stalli di sosta per i motorini in borgo San Vitale: multe a raffica"

ParmaToday è in caricamento