Attualità

Emergenza abitativa, due milioni e mezzo di euro a sostegno della locazione privata

L’Assessora al Welfare Laura Rossi: "Abbiamo tanti filoni aperti per gestire il problema casa, attraverso i quali sostenere le persone in difficoltà per un bisogno primario come quello abitativo"

Misure a sostegno della locazione privata: durante la pandemia sono stati erogati in tutto 2 milioni e 500 mila euro.   Si è trattato di uno sforzo considerevole che ha visto in prima linea Regione Emilia Romagna, Comune di Parma, Distretto di Parma e Università di Parma.

L’Assessora al Welfare Laura Rossi spiegando nel dettaglio i fondi stanziati ha sottolineato: “come Amministrazione Comunale abbiamo tanti filoni aperti per gestire il problema casa, attraverso i quali sostenere le persone in difficoltà per un bisogno primario come quello abitativo. Valuteremo nella seconda parte dell’anno eventuali avanzi di bilancio da investire per questo”.

“L’Ateneo – ha spiegato il Prorettore Vicario dell’Università di Parma Paolo Martelli - incrementerà il fondo destinato agli studenti fuori sede insieme al Comune: anche questa iniziativa rappresenta molto bene il fatto che Parma sia davvero una città universitaria e che la comunità tutta si occupi degli studenti. Un ottimo risultato della collaborazione tra i due enti”. “Apprezziamo moltissimo – ha detto il Presidente di Acer Parma Bruno Mambriani - lo sforzo di Comune e Università in questo difficile periodo. Come Acer abbiamo gestito circa 6000 domande anche durante la pandemia e questo è un segnale di grande bisogno di edilizia residenziale pubblica per rispondere al disagio abitativo. Il diritto alla casa è inalienabile e speriamo che anche dal Governo arrivino misure adatte per attenuare questa problematica”.

A partire dalla seconda metà 2020 sono stati stanziati nel Distretto di Parma 2.500.000 euro come contributi affitto afferenti ai due bandi Fondo Affitto e ai contributi Diretti di fine anno a sostegno della locazione privata.   Fondamentale sostegno e concreto aiuto a favore di famiglie, singole persone, studenti, nonché proprietari di immobili in grave difficoltà a causa della crisi economica e dell’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia.  Misure che si sono aggiunte a quanto già in essere a sostegno delle persone e dei nuclei familiari che hanno perso la capacità reddituale.  Strumenti che hanno consentito anche gli studenti universitari provenienti da altre realtà di proseguire il loro percorso di studi nell’Università della nostra città. Un impegno fattivo e congiunto da parte del Comune di Parma e dell’Università di Parma che testimonia l’attenzione della città anche verso i propri studenti e la volontà di supportarli in questo difficile momento che tutto il nostro paese sta vivendo.   

Fondo affitto 2020 (delibera regionale 1815/2019)Il primo bando fondo affitto ha registrato 1715 domande valide su 2016. Le risorse disponibili hanno raggruppato fondi destinati dalla Regione Emilia Romagna con più Delibere, oltre ad economie varie e risorse dei singoli Comuni del Distretto. Saranno erogati in tutto 1.573.000 euro (di cui 1.035.000 euro già erogati). Purtroppo non potranno essere soddisfatte tutte le domande in graduatoria poiché il fabbisogno reale ammonta a oltre 5.000.000 di euro.     Contributi Diretti a sostegno dell’Affitto per i nuclei colpiti dalla crisi pandemica 2020 (delibera Regionale 602/2020) Sono 406 le domande valide (su 628 presentate) in merito al Bando Contributi Diretti, che ha consentito alle famiglie o persone singole di ricevere contributi diretti per pagare il canone d’affitto. 

Il contributo spettante, di norma al locatario, è definito in base al calo di reddito e/o fatturato e comunque non superiore ad 1.500 euro. Per i nuclei con ISEE da zero a 3000 euro il contributo è stato pari a tre mensilità di canone e comunque non superiore a 1.500 euro.  Nel dettaglio: 

? 8.080,39 euro sono di fatto andati ai proprietari che hanno acconsentito a rinegoziare il canone di affitto riducendolo di almeno del 20% per 12 mesi in caso di contratti a canone libero o almeno del 10% per 12 mesi per il canone concordato. (7 contributi) 
? 319.224 euro sono stati erogati ai nuclei o persone con Isee compresa tra zero e 3 mila euro o con Isee fino ai 35.000 euro per l’anno 2020 e contestuale riduzione del proprio reddito nel trimestre maggio-aprile 2020 di almeno il 20% rispetto alla media trimestrale del reddito percepito nel 2019. (282 contributi tra parma e Distretto)
? 72.816 euro sono stati erogati a studenti fuori sede con le risorse stanziate dall’Università di Parma Universitari  L’Università di Parma con propria deliberazione ha approvato il trasferimento al Comune di Parma di una somma di 100.000 euro a integrazione delle risorse da destinare agli studenti fuori sede. Determinata la quota di risorse da riservare agli studenti universitari domiciliati a Parma, sono stati approvati i criteri comunali, aggiunti a quelli regionali, per l’erogazione dei contributi a tale tipologia di beneficiari. 

L’ateneo ha infatti stanziato 50 mila euro, i restanti 50 mila sono frutto di un gesto particolarmente generoso del Consiglio degli Studenti e delle Associazioni studentesche che hanno deciso di impegnare la cifra per gli affitti dei fuori sede sottraendola dal fondo per iniziative culturali e sociali promosse dagli studenti. A fronte dell’emergenza sanitaria in corso, il gesto assume una valenza particolarmente rilevante. Un importante risultato ottenuto grazie alla Convenzione “Parma Città Universitaria”. Fondo affitto 2021 (delibera Regionale 2031/2020)    Il bando prevede un contributo fino a tre mensilità, per un massimo di 1.500 euro per le persone o nuclei familiari in difficoltà nel pagamento del canone di locazione della propria abitazione. Non era previsto il requisito della residenza, quindi anche le persone domiciliate nella Regione Emilia Romagna, compresi gli studenti, hanno avuto possibilità di presentare domanda. 

Le domande presentate sono 2649 e i controlli sulla validità sono in corso in queste settimane.  Comune di Parma Due sono le graduatorie: - persone o nuclei familiari con ISEE annuo fino a 35 mila euro che, anche a causa della situazione sanitaria, hanno subito un calo del reddito, come per perdita del lavoro, cassa integrazione o stato di mobilità, lavoratori precari o stagionali. In questo caso hanno potuto richiedere il contributo anche gli inquilini degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP): 
Al momento sono destinate risorse per 230.491 euro in base allo stanziamento regionale.   
- persone o nuclei familiari con reddito ISEE inferiore a 17,154 euro.  Al momento sono destinate risorse per 153.000 euro in base allo stanziamento regionale.  
-Agli studenti che rimarranno fuori dalle graduatorie sulla base degli stanziamenti regionali o degli stanziamenti che il Comune di Parma valuterà di destinare allo scorrimento delle due graduatorie, saranno destinate le risorse in economia già stanziate dall’Università (27.184 euro) e le eventuali ulteriori risorse che potranno essere destinate allo scopo. Il Comune di Parma in particolare stanzierà 50.000 vincolati agli studenti fuori sede e anche l’Università, viste le necessità, ha intenzione di aggiungere ulteriori 50.000 euro destinati agli stessi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza abitativa, due milioni e mezzo di euro a sostegno della locazione privata

ParmaToday è in caricamento