rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Attualità

Emergenza energetica: le proposte della Provincia per ridurre i consumi e sostenere i cittadini in difficoltà

Massari riunisce sindaci e mondo economico e sociale del Parmense. Emerse proposte concrete per far fronte ad una situazione che si annuncia esplosiva, più grave del Covid, e che può essere affrontata solo con strumenti emergenziali

Hanno partecipato oltre 80 persone stamattina all’incontro istituzionale sull’emergenza dei costi energetici, organizzato dal Presidente della Provincia Andrea Massari, che ha riunito i sindaci e gli  amministratori del Parmense, le associazioni di categoria imprenditoriali, commercianti, agricole e artigianali,  e i sindacati.

E’ emersa una corale preoccupazione per il difficile momento, soprattutto per il rincaro delle forniture energetiche e la scarsità di materiali, che possono avere risvolti drammatici sia a livello economico che a livello sociale già nelle prossime settimane, che travolgerà imprese, famiglie ed enti locali, con i sindaci che ancora una volta si troveranno in prima linea.

Alla conclusione di un ampio confronto, l’assemblea ha convenuto sull’utilità di questo incontro e la necessità di mantenere questo coordinamento, come durante l’emergenza Covid, e sono state condivise le proposte sintetizzate da Massari di attivare 3 settori su cui intervenire, su altrettante proposte concrete che riguardano:
1.      sociale, dove i Comuni stanno registrando l’esplosione delle richieste di sostegno economico su affitti e utenze e l’aumento dei soggetti che richiedono assistenza;
2.      scuole, per cui occorre valutare le proposte utili a produrre risparmi su riscaldamento, illuminazione e trasporti, come chiusure il sabato, introduzione di didattica a distanza o altri provvedimenti organizzativi;
3.      servizi, in particolare: riduzione degli orari di apertura degli uffici pubblici e adozione di smart working per consentire la chiusura degli edifici, riduzione dell’illuminazione pubblica e riduzione della temperatura negli ambienti pubblici e privati.

Forte dalle imprese e dai sindacati anche la richiesta, accolta dai sindaci, di sensibilizzare tutte le società di servizi (acqua, rifiuti, energia ecc.) ad assumere atteggiamenti responsabili nei confronti di famiglie e imprese sui possibili ritardi di pagamento e per evitare distacchi e interruzioni di servizio per ragioni economiche.

Inoltre l’assemblea ha condiviso la proposta di Massari di sostenere l’iniziativa messa a punto dalla Sindaca di San Lazzaro di Savena Isabella Conti di liberare da subito una parte delle enormi risorse liquide accantonate in tutti i comuni nel Fondo crediti di dubbia esigibilità. Questa proposta che, pur salvaguardando gli equilibri dei bilanci, permetterebbe di avere immediatamente a disposizione dei Comuni milioni di euro (per la provincia di Parma dai 12 ai 15 milioni), analogamente a come fu fatto per il Fondo Covid, che ha permesso ai Comuni di salvare letteralmente famiglie e imprese.
La proposta avanzata dai Sindaci prevede un meccanismo di ripristino del Fondo in 2 – 3 anni da parte del Governo.

Da numerosi interventi è emerso come di fronte a questi cambiamenti epocali dovranno necessariamente mutare sensibilmente gli stili di vita, con la massima attenzione a comportamenti parsimoniosi nell’uso di tutte le risorse.


Tra gli intervenuti: il Prefetto Garufi, i sindaci di Berceto Lucchi, di Borgotaro Moglia, di Bedonia Serpagli, di  Montechiarugolo Friggeri, di Salsomaggiore Fritelli, di Sissa Trecasali Bernardi, di Fontevivo Fiazza, Riani di Monchio delle Corti , gli amministratori Cantoni di Medesano, Borghi di Parma, Dallavalle di Collecchio, Piroli di Soragna, Marchesi di Felino, per le parti sociali: per Upi il Presidente Buia e il direttore Azzali, Franchini di Ascom,  Iotti della Gia, Lisa Gattini di CGIL, Angela Calò di Cisl, Frigeri di Uil. Loretta Losi di Legacoop, Vedrini di Confesercenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza energetica: le proposte della Provincia per ridurre i consumi e sostenere i cittadini in difficoltà

ParmaToday è in caricamento