rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024
Attualità

Maturità, notte prima degli esami per 3.500 studenti

Domani scattano gli esami di Stato. Si comincia con la prova di italiano

E' arrivata per 3.597 studenti di Parma e Provincia la notte prima degli esami. Una notte che ha il sapore di ritorno alla normalità, dopo due anni viziati dal Covid che hanno tolto ai ragazzi anche l'adrenalina delle prove in commissione. Il 22 giugno si può tornare a respirare l'aria dell'estate, anticiparta però dagli esami di maturità. Si comincia con la prova di italiano. Alle candidate e ai candidati saranno proposte sette tracce con tre diverse tipologie: analisi e interpretazione del testo letterario, analisi e produzione di un testo argomentativo, riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità. Circolano già delle indiscrezioni: Dante, Verga tra i temi storici, il covid e la guerra tra Russia e Ucraina l'attualità.

"La prova sarà come era in passato, di tipo classico - spiega Eugenia Coscioni, vicepreside del Liceo Romagnosi -. Arriva con plico telematico dal Ministero dell'Istruzione. La mascherina? Il Ministero dell'Istruzione dice che possono anche non tenere la mascherina e sicuramente possono non tenerla nella prova scritta, ma nella prova orale è fortemente consigliata".

Il 23 giugno si proseguirà con la seconda prova scritta, diversa per ciascun indirizzo, che avrà per oggetto una sola disciplina tra quelle caratterizzanti il percorso di studi. Ad esempio, Lingua e cultura latina per il Liceo classico, Matematica per lo Scientifico, Economia aziendale per l’Istituto Tecnico, Settore economico, Indirizzo “Amministrazione, finanza e marketing”, Igiene e cultura medico-sanitaria per l’Istituto Professionale, Settore Servizi, Indirizzo “Servizi socio-sanitari”.

La predisposizione della seconda prova quest’anno sarà affida ta ai singoli Istituti, in modo da tenere conto di quanto effettivamente svolto, anche in considerazione dell’emergenza sanitaria. Entro il prossimo 22 giugno i docenti che insegnano la disciplina oggetto del secondo scritto, e che fanno parte delle commissioni d’Esame di ciascuna scuola, dovranno elaborare tre proposte di tracce. Lo faranno sulla base delle informazioni contenute nei documenti predisposti dai Consigli di classe. Tra queste proposte sarà sorteggiata, il giorno della prova, la traccia che sarà svolta da tutte le classi coinvolte. Se nella scuola è presente una sola classe di un determinato indirizzo, le tre proposte di tracce saranno elaborate dalla sottocommissione, sulla base delle proposte del docente che insegna la disciplina oggetto della seconda prova.

La seconda prova scritta, invece, sarà scelta dalla commissione interna. "Nella prova orale - spiega la vice preside Coscioni - si ritorna com’era prima della pandemia. I ragazzi sceglieranno un argomento, o meglio: la commissione propone un argomento di carattere interdisciplinare su cui gli studenti devono sapersi orientare, poi la loro esperienza di percorsi delle competenze trasversali e l'educazione civica". 

ORALE

È previsto, poi, il colloquio, che si aprirà con l’analisi di un materiale scelto dalla Commissione (un testo, un documento, un problema, un progetto). Nel corso dell'orale il candidato dovrà dimostrare di aver acquisito i contenuti e i metodi propri delle singole discipline e di aver maturato le competenze di Educazione civica. Analizzerà poi, con una breve relazione o un lavoro multimediale, le esperienze fatte nell’ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento. La Commissione sarà composta da sei commissari interni e un Presidente esterno.

"Cosa ci aspettiamo dagli studenti? Dovrebbero essere preparati - dice in chiusura Coscioni - hanno fatto tutto quest'anno in presenza, sanno e anche noi sappiamo quello che valgono e come hanno studiato. Sicuramente i ragazzi saranno preparati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maturità, notte prima degli esami per 3.500 studenti

ParmaToday è in caricamento